3 mag 2018

Review "La promessa di Natale" di Susan Mallery

REVIEW
"LA PROMESSA DI NATALE" di SUSAN MALLERY


Ciao miei adorati lettori e bentornati nel fantastico mondo de Lamiavitasonoilibri! (:

Capita anche a voi di voler tornare indietro nel tempo?
Magari a Natale...dove le decorazioni, i pini, i canti natalizi, i maglioni e i pigiami a tema, le enormi mug di cioccolata calda, i biscotti di pasta frolla decorati, il cenone della Vigilia ed il pranzo del giorno di Natale e i regali si impadroniscono della vita quotidiana di ognuno di noi e infondono calore, felicità e amore.
Ho gli occhi a cuoricino al solo pensiero!

Ebbene si, il mio spirito natalizio è tornato a farsi sentire prepotentemente e non accenna a diminuire! In casa aleggia un'atmosfera festosa, accompagnata da maratone dei miei film preferiti di Natale e ovviamente da ore e ore di letture natalizie!
Fare l'albero e decorare l'intera casa cantando una canzone di Michael Bublè pareva eccessivo (ma poi nemmeno così tanto) e perciò ho deciso di limitare questa mia enfasi ad una piacevole lettura, concedendomi un piccolo e dolce Natale nella spettacolare California, dove le elevate temperature non fermeranno certamente Babbo Natale e le sue renne, riuscendo comunque a portare a destinazione un regalo indirizzato a Molly e Dylan: l'amore...sto parlando de "La promessa di Natale" di Susan Mallery.

LA COPERTINA


La copertina è deliziosa, resterei ore a guardarla, senza mai stancarmene.
L'immagine è dolcissima, esattamente come solo un buon biscotto di Natale e un regalo tanto atteso riescono ad essere.
Il titolo calza a pennello, dando al lettore un indizio importante ed utile a comprendere cosa si cela tra le pagine profumate di questo libro. 
Un anello di fidanzamento e una promessa, quella di vivere insieme un'avventura, hanno preceduto il loro addio...
A distanza di quattordici anni, poco prima del giorno di Natale, Molly e Dylan sembrano essere pronti per tornare l'uno nella vita dell'altra e tenere fede a quella promessa. 
Entrambi sono cambiati ed è trascorso parecchio tempo da quel giorno che li ha visti dirsi addio promettendosi però un'occasione in un probabile futuro, ciò nonostante la moto di Dylan e lo stato della California li attendono, non rimane che tuffarsi in una nuova avventura, insieme, e sconvolgere le loro vite...

LA TRAMA
Quando erano ragazzi, Molly Anderson non poteva fare a meno di aiutare Dylan Black, il cattivo ragazzo che però aveva occhi solo per sua sorella maggiore.
Nel momento in cui le cose tra loro non hanno funzionato, lui ha salutato anche Molly, con la promessa che una volta cresciuti avrebbero avuto la loro indimenticabile avventura.
Anni dopo, scaricata dal suo fidanzato poco prima di Natale, decide che sia venuto il momento per Dylan di mantenere la sua promessa.
Dylan ha sempre avuto una debolezza, mai dichiarata, per Molly, così quando lei si presenta, bellissima e con una valigia in mano, davanti alla sua porta, lui ne rimane piacevolmente colpito.
Allora perché non tuffarsi in un'avventura senza legami proprio con lei?
I giorni pieni di risate e di baci rubati stanno cambiando la vita di entrambi, ma l'unico regalo che Molly vuole davvero per Natale è l'amore di Dylan. Solo che lui nasconde un segreto che svelato può allontanare Molly, questa volta per sempre.

IL LIBRO
Titolo: "La promessa di Natale"
Autrice: Susan Mallery
Casa editrice: HarperCollins Italia
Collana: Harmony Romance
Pagine: 235
Prezzo: €6,90 (cartaceo) e €4,99 (digitale)
Genere: romanzo rosa
Scrittura: incredibilmente perfetta e impeccabile.
Susan Mallery, un nome ed un cognome che identificano un'eroina della letteratura rosa contemporanea, una scrittrice dalla mano e dalla penna magiche, una donna affermata e idolo dell'intero genere femminile, una creatura perfetta insomma.
Sono contentissima di aver scoperto questa incredibile autrice, mi sono completamente ed irrimediabilmente innamorata della sua scrittura, della storia, dei personaggi e degli scenari da lei creati, a tal punto da voler entrare nelle pagine de "La promessa di Natale" e non uscirne più.
Susan Mallery è ufficialmente diventata il mio idolo e la mia eroina, mi basterebbe essere una minuscola briciola di quello che è lei per sentirmi in pace con il mondo e con me stessa.
Grazie a lei, ora il mio spirito natalizio è salito alle stelle...leggendo questo libro desidererete che sia Natale ogni giorno (l'idea non mi dispiacerebbe affatto, sinceramente).
I miei complimenti a Susan, per aver catturato l'essenza del mese di dicembre con le sue feste e l'amore ed averlo intrappolato tra le pagine de "La promessa di Natale", un manoscritto degno di nota e da rileggere molteplici volte, senza mai stancarsene.

LA RECENSIONE
"La promessa di Natale" è dedicato a tutti coloro che, anche se cresciuti, conservano ancora lo spirito natalizio tipico dell'età infantile e desiderano continuare a credere nella magia delle feste natalizie.
Questo libro è dedicato ai sognatori, che si cibano di storie d'amore per riuscire a tirare avanti nella vita di tutti i giorni.
"La promessa di Natale" è consigliato a chi, come me, non vede l'ora che sia di nuovo il 25 dicembre.
Questo manoscritto è consigliato a chi, per Natale, ha sempre voluto trovare un solo regalo sotto l'albero: l'amore.

"La promessa di Natale" è ambientato in California, in località come Riverside, la Pacific Coast Highway, Carpinteria, la singolare cittadina americana dall'ambientazione europea (o meglio, olandese) Solvang e Santa Barbara, un vero e proprio viaggio on the road, all'insegna dell'avventura e della scoperta di posti caratteristici nonché magnifici.

I protagonisti indiscussi di questa narrazione sono Molly Anderson e Dylan Black.
Molly, all'età di soli quattordici anni, è il classico brutto anatroccolo, con il viso disseminato di brufoli e l'apparecchio a completare il quadro già di per sé deprimente.
Un giorno, a irrompere prepotentemente nella sua vita, è Dylan, il classico cattivo ragazzo, nato e cresciuto nella parte sbagliata della città, in un'umile quanto squallida roulotte, insieme a due genitori alcolisti e chiaramente troppo impegnati con le loro disastrose vite per occuparsi e preoccuparsi del loro unico figlio.
Dylan, dai capelli e occhi scuri, con indosso un giubbotto di pelle nero e in sella a una motocicletta fa breccia nel cuore di moltissime adolescenti, Molly compresa.
Destino vuole, però, che a suscitare l'interesse del ragazzo non sia lei, ma bensì sua sorella Janet, di bell'aspetto, esattamente come lui.
Insieme formano apparentemente una bella coppia, degna di una foto in una copertina di una rivista patinata.
Dylan e Janet sono sul punto di portare la loro relazione ad un livello decisamente più serio e stabile quando, poco prima della fatidica proposta, la sorella maggiore di Molly lo lascia, convinta che non siano fatti l'uno per l'altra e corre tra le braccia di Thomas, sposandolo immediatamente.
Il cattivo ragazzo, tutt'altro che indifferente all'accaduto, decide che non vi è più motivo di rimanere nei paraggi...poco prima della sua imminente partenza Molly lo cerca per salutarlo e Dylan decide di darla un anello, una fede nuziale più precisamente (l'oggetto della sua ipotetica proposta di matrimonio per la sorella della ragazzina), promettendole che quando sarebbe diventata grande avrebbero avuto la loro avventura.
Quella è stata l'ultima volta che gli sguardi di Dylan e Molly si sono incrociati.

Passano quattordici anni e Molly è ormai diventata una donna, non ha niente da invidiare a nessuna, anche se lei pensa di si, le sue forme abbondanti e quei famigerati dieci chili in più le danno il tormento.
E' una donna in carriera, ma il suo lavoro non la fa impazzire, anche se tutto sommato non è poi così male, un fidanzato che è intenzionata a sposare a breve e una vita tranquilla e sicura. Sicura, è proprio quello il problema: Molly ha sempre vissuto ai margini, affidandosi a ciò che spaventa meno, che è più sicuro e fattibile, proprio per questo, raggiunta l'età di ventiquattro anni, la ragazza ha un sacco di rimpianti che non sa come zittire e nascondere.
Dylan, d'altro canto, è diventato tutto ciò che non avrebbe mai voluto e immaginato, passa le giornate incollato ad una scrivania, tra scartoffie, occupandosi di burocrazia e indossando un completo con cravatta.
E' il fondatore della Black Lightning, un'impresa che si occupa della realizzazione di motociclette su richiesta, un'azienda in via di sviluppo che sta andando alla grande e attira ogni giorno sempre più clienti. Anni prima Dylan si è dato da fare, si è rimboccato le maniche ed ha creato dal nulla un'impresa motociclistica, ha iniziato dal basso e ora si trova alla vetta del successo.
Tuttavia, il suo sogno è sempre stato quello di occuparsi personalmente delle modifiche e dei progetti riguardanti le moto da sviluppare e creare e così è stato, finché non è stato costretto a prendere in mano l'amministrazione dell'azienda, in quanto fondatore.

Molly e Dylan si trovano ad un bivio: continuare la loro vita ormai infelice e monotona o dare una scossa alle loro esistenze, dedicandosi a qualcosa di nuovo?
Molly nel giro di tre giorni è stata licenziata e scaricata dal suo ragazzo, proprio un bel regalo anticipato di Natale e inoltre ha una questione in sospeso...
Dylan ha ricevuto un'importante offerta di acquisizione, una società vorrebbe acquisire e inglobare la sua impresa alle altre già in suo possesso, assicurandogli un posto nei piani alti e permettendogli di lavorare a nuovi progetti avendo a disposizione un capitale consistente, di cui al momento non dispone.
Entrambi hanno molto su cui riflettere e sentono il bisogno di allontanarsi da tutto e tutti, ma per andare dove?
E se la soluzione si celasse in quella promessa stretta anni e anni prima?

Molly fa le valigie e si reca a Riverside, con in mano l'anello e l'intenzione di tenere fede al patto sancito con il ragazzo di cui era follemente innamorata.
Dylan non pensa al suo passato e alla sua adolescenza da anni, infondo quell'amore che pensava di provare per Janet non era un sentimento così importante come pareva allora, tutto sommato conserva però un bel ricordo della sorella riccioluta, goffa e brufolosa che gli ronzava sempre attorno, chiedendosi che fine abbia fatto e come sia diventata.
I suoi interrogativi sembrano trovare risposta quando lei si presenta nel suo ufficio, pretendendo che lui si ricordi di lei, di quella loro promessa e della loro avventura.
Un pranzo in un locale della zona, decorato da cima a fondo in occasione delle imminenti feste natalizie farà da sfondo all'improvvisa richiesta di Molly di prendere e andare con Dylan a spasso per l'America.
Vivere una vita senza rimpianti e partire per un'avventura o rimanere radicati alla normalità?
Dylan deciderà di tenere fede al patto stretto con quella ragazza che non vede da così tanto tempo.
Due settimane. Due settimane in cui rappresenteranno l'uno la distrazione dell'altra, niente legami, solo pura amicizia.
Che il viaggio on the road in sella ad una motocicletta abbia inizio!

Natale è alle porte e quest'anno c'è un solo regalo da scartare per Molly e Dylan...l'amore.
Lo apriranno insieme oppure verrà lasciato sotto l'albero, perché prenderanno strade differenti, tornando alla loro routine?

NEL LIBRO
<<Molly si appoggiò a Dylan e sospirò. "Di sicuro la vita prende pieghe inaspettate."
Dylan era d'accordo. Tre settimane prima avrebbe avuto difficoltà a ricordare chi era Molly Anderson. Ora non poteva immaginare il suo mondo senza di lei.
...
Quella era solo una delle cento ragioni per cui lo amava. Perché lei lo amava. Anche se avevano solo poco tempo da passare insieme prima di Natale, anche se lui sarebbe tornato al suo mondo e probabilmente non avrebbe più pensato a lei, non poteva negare quella verità. Amarlo era la parte migliore di lei. Amarlo la spingeva a correre dei rischi, a vivere appieno. E se lo scopo di tutto ciò che le era accaduto nella vita era portarla a quel momento, ad amare Dylan, allora ne era valsa la pena.
...
Dylan aveva detto che lei era il suo miracolo di Natale. E il meglio era che lui era il suo.
...
Quei frammenti di felicità rappresentavano tutto il senso della vita, e lei doveva continuare a ricordarlo.>>

LA MIA OPINIONE
"La promessa di Natale" ha conquistato il mio cuore.

Vi capita mai di comprare o ricevere in regalo un libro e lasciarlo abbandonato a se stesso sulla mensola della libreria per moltissimo tempo? 
"La promessa di Natale" mi stava chiamando da quest'ultimo Natale, ma essendo una lettrice non convenzionale, molto spesso capita che io legga le letture natalizie quando manca ancora molto alle feste, proprio perché il mio spirito natalizio non si fa sentire solo a dicembre, ma in tutti i mesi dell'anno e così, incuriosita dalla copertina e della trama, ho deciso di concedere un'opportunità a questo manoscritto e confesso di esserne felicissima!

Ho scoperto Susan Mallery attraverso questo suo romanzo e dichiaro di essermi innamorata di lei e di fare ufficialmente parte del suo enorme fan club, proprio per questo voglio assolutamente concedermi altre letture firmate Mallery.
Adoro questa donna e il suo incredibile talento nello scrivere, raccontare e parlare d'amore come se si stesse affrontando l'argomento più semplice del mondo.
"La promessa di Natale" non è la classica storia d'amore natalizia strappalacrime e sdolcinata, ma bensì un mix fatale di emozioni e vitalità.
All'interno di questo romanzo troverete tutto: segreti di famiglia, storie di alta infedeltà, riconciliazioni famigliari, dipendenze, matrimoni sia dominati da bugie che da verità, amicizia, paura e coraggio, vita e morte, viaggi on the road, feste ed atmosfere natalizie, antiche promesse, scazzottate, ma soprattutto amore.

Non mi capita spesso di non riuscire a dormire perché desiderosa di sapere cosa accade in un libro, eppure "La promessa di Natale" è stato in grado di insinuarsi nella mia anima e nel mio cuore, affondandovi le sue radici e rimanendovi radicato.
Ieri notte per terminarne la lettura sono andata a letto all'alba, da non credere, vero? Io lo chiamo l'effetto Mallery...una patologia da cui ogni lettore dovrebbe essere colpito almeno una volta nella vita.
Ho adorato tutto di questo libro, ogni singolo aspetto, non c'è assolutamente niente che cambierei se solo ne avessi l'opportunità (magari deciderei di vivere con Molly e Dylan ancora un po', aumentando il numero delle pagine, questo si), è tutto perfettamente perfetto così com'è! I miei complimenti a Susan.

"La promessa di Natale" ha scalato le classifiche dei miei libri preferiti, aggiudicandosi il secondo posto, questo libro ha letteralmente ribaltato il mio podio libresco personale!
Molly e Dylan saranno sempre una piccola grande parte di me.
Susan Mallery attraverso queste 235 pagine mi ha cambiata, non ha solo innalzato il mio spirito natalizio alle stelle, ma mi ha anche permesso di maturare, affrontando tematiche che in un banale romanzo rosa non vengono presentate.
"La promessa di Natale" è un capolavoro della letteratura rosa contemporanea e sono felice di aver avuto il privilegio di leggerlo.

Sono ancora troppo innamorata dello scritto di Susan per passare ad altre letture, perciò, raccomandandovi assolutamente la lettura di questo come di qualsiasi altro suo libro, corro a leggere un altro suo romanzo!

Susan Mallery. Una donna eccezionale che con la sua penna ripara milioni di cuori, ricordando che l'amore esiste, è nascosto in ognuno di noi o chissà, magari in un grazioso pacchetto regalo nascosto sotto l'albero a Natale...

IL MIO GIUDIZIO









La recensione è giunta al termine.
Alla prossima! (: