19 ago 2016

Recensione: "IL NOSTRO AMORE E' PER SEMPRE" di JAMES PATTERSON

"IL NOSTRO AMORE E' PER SEMPRE"
di JAMES PATTERSON, con EMILY RAYMOND
 
 
Ciao miei adorati readers e bentornati nel blog!
Oggi vi parlerò della mia ultima lettura, si tratta di un romanzo rosa edito dalla Corbaccio e dalla TeaLibri, scritto dal solo e unico James Patterson, con l'aiuto della ghostwriter Emily Raymond: "Il nostro amore è per sempre".
 
LA COPERTINA
 
 
La copertina è deliziosa.
Il titolo farà da colonna portante all'intera vicenda: sarà l'inizio e la fine, la montagna e l'abisso, la felicità e il dolore straziante, ma soprattutto, il primo, ultimo, unico e vero amore.
I due ragazzi in copertina raffigurano Axi e Robinson, i protagonisti.
 
LA TRAMA
 
Axi Moore è una "brava ragazza": studiosa e riservata, non dice a nessuno che il suo desiderio più grande è scappare da tutto.
L'unica persona con cui si confida è Robinson, il suo migliore amico, di cui è anche pazzamente innamorata.
Senza di lui non avrebbe senso fare quel che sta per fare: partire per un viaggio on the road, di nascosto dal padre, abbandonando la scuola a poche settimane dagli esami.
Solo Robinson può capire veramente il senso di questa esperienza. E con Robinson il viaggio si trasforma in una grande avventura... Un'avventura indimenticabile.
 
LA RECENSIONE
 
Questo libro è consigliato a chi ama i viaggi on the road, le avventure e le imprese folli;
A chi adora viaggiare, muovendosi e non: questo volume vi farà fare il giro degli Stati Uniti senza muovervi dal divano, dal letto, da sotto l'ombrellone, da dovunque voi lo leggiate;
A chi non si è mai innamorato e, attraverso questa vicenda, capirà la forza travolgente del primo amore e a chi lo è già stato e lo è tuttora, ma vuole nuovamente provare le sensazioni della prima volta sulla propria pelle.
A chi non ha paura di piangere e consumare interi pacchetti di fazzoletti leggendo un libro.
 
"Il nostro amore è per sempre" è ambientato dapprima in Oregon, a Klamath Falls e successivamente in alcuni stati degli Stati Uniti D'America.
I protagonisti di questo libro sono Alexandra Moore, detta Axi e Oscar Robinson, detto Robinson.
 
Axi è una semplice ragazza di provincia di sedici anni, alle prese con una vita che l'ha costretta a crescere in fretta...
La sua famiglia, o meglio, quel che ne rimane, la costringe a comportarsi da genitore anziché da figlia: quella allegra, amorevole e semplice famigliola che erano prima, ora non esiste più, al suo posto vi sono un padre alcolizzato, che annega i suoi pensieri e i suoi problemi in dei bicchierini di alcool e una ragazza che ha paura della vita e di sentirsi viva, che bada al padre e cerca di condurre una vita normale, se essa potrà mai essere considerata tale.
Carole Ann, sua sorella, una graziosa bimba dai capelli rossi, che il cancro si è portata via, privandola della vita che le era stata donata, è il tassello del puzzle mancante che ha fatto si che l'insieme si spezzasse. Dopo la sua morte, la madre di Axi se ne è andata, senza voltarsi, lasciandola da sola, alle prese con una vita tutt'altro che agiata e con un padre ancora più solo e amareggiato.
 
Robinson è un ragazzo di diciassette anni, avvolto da un manto di mistero e oscurità.
Ognuno, nel corso della propria vita, conosce la sua persona: un amico, la propria metà della mela, un parente, un animale, ecc. La persona di Axi è proprio lui, Robinson e viceversa.
Di Robinson e di ciò che lo riguarda, nessuno sa molto: non parla mai della sua famiglia, della sua infanzia, dei suoi ricordi, della sua città natale e del suo passato.
Chi lo conosce vede solo il Robinson trasferitosi recentemente a Klamath Falls, il migliore amico di Axi Moore, un ragazzo solare e magnetico, amico di tutti, capace di farsi adorare in pochi minuti, grazie al suo sorrisetto sghembo e a quello sguardo da malandrino, come piace definirlo ad Axi.
Robinson, si è ritirato da scuola, perché non abbastanza impegnativa e popolata da ragazzini immaturi.
Conduce una vita all'insegna del pericolo e della più totale, speciale e tremenda irresponsabilità.
 
Axi completa Robinson e Robinson completa Axi.
Axi è la brava ragazza, una BB, come la definisce il suo migliore amico, che sta per "brava bambina", Robinson, invece, è il cattivo ragazzo, un malandrino come lo definisce la sua migliore amica, il suo malandrino.
Insieme si completano.
Axi è segretamente innamorata di Robinson, ma per ovvie ragioni non intende rivelargli questo suo amore.
Robinson ricambia il sentimento che prova per lui Axi, o la considera semplicemente e solamente la sua migliore amica?
Della loro amicizia non si sa nulla, né come, dove e quando si sono conosciuti; Si verrà a conoscenza di ciò solo oltre metà vicenda.
 
La vicenda si apre con un prologo: una breve presentazione dei due protagonisti e della loro vita nella bucolica Klamath Falls.
Dopodiché, la Axi ligia e votata al bene universale inizia a cambiare: tutto avrà inizio con una notizia bomba da comunicare a Robinson, e per fare ciò, sarà costretta a saltare le ultime due ore scolastiche (uno sforzo enorme per una BB come lei), recandosi da Ernie's per vedere il suo migliore amico.
 
Una proposta allettante, pericolosa, coraggiosa e avventurosa sarà l'inizio di tutto.
Axi propone a Robinson di scappare di casa e di partire con lei per intraprendere un viaggio on the road, dall'Oregon fino a New York City, con tanto di tappe lungo il tragitto, ovviamente.
Robinson, un ragazzo pericoloso, avventuriero e con una cattiva reputazione non si lascerà pregare e accetterà senza esitazione.
Quel viaggio, significa molto più di un capriccio adolescenziale: Axi ha sempre voluto evadere da K-Falls, da quel che è rimasto della sua famiglia, da tutto. Lei sapeva sin da piccola che avrebbe intrapreso questa avventura on the road, tanto da aver pianificato le tappe e il percorso fin nei minimi dettagli, da anni.
Axi sa da sempre che avrebbe preso questa decisione e che prima o poi se ne sarebbe andata per un tempo indeterminato: quel giorno è arrivato.
 
Dietro a questo viaggio, c'è molto di più, perché Axi e Robinson sanno di non poter mettere radici in un posto, non ne sarebbero in grado e sanno di essere sempre in movimento, perché "statico" e "sedentario", per loro, vuol dire "morto dentro" e loro vogliono vivere, vivere davvero.
 
Così, con un bel gruzzoletto, accantonato di anno in anno, Axi parte alle quattro di mattina, per compiere un viaggio all'insegna del divertimento, del pericolo e dell'avventura, insieme all'unica persona per lei davvero importante.
Robinson, però, è noto per non rispettare i programmi e tanto meno la legge a quanto pare, perché i piani di Axi verranno spazzati via e verranno presi "in prestito" alcuni mezzi di trasporto, con la promessa di riconsegnarli ai proprietari, prima o poi.
Robinson si rifiuta categoricamente di salire a bordo di un bus, ovvero di una capsula di Peltri piena di super batteri, e si stanca facilmente di una macchina, saranno queste le ragioni che porteranno al compiersi di molteplici furti di veicoli.
 
Primo veicolo "preso in prestito": Una Harley Davidson nera e argentata.
Prima tappa: Le sequoie di Mount Shasta, località nota per essere il centro del potere cosmico, dove i cittadini indossano protezioni strambe per non essere rapiti da creature sovrannaturali.
Le sequoie sono alberi molto antichi, imponenti e diversi dai comuni alberi: sembrano essere in vita, con la loro antica saggezza e le loro chiome enormi, simili a teste, che seguono ogni tuo passo. Stare sotto ad una sequoia significa sentirsi minuscoli e fragili, un essere umano, ciò che, e come, realmente siamo.
Axi e Robinson si accamperanno in questa riserva naturale con una tenda microscopica, che li costringerà a dormire a pochi centimetri di distanza: una nuova esperienza per entrambi.
Axi e il suo amore segreto per Robinson verranno messi a dura prova.
 
Seconda tappa: Bolinas, località "conosciuta" per essere una "città segreta", a causa della riservatezza dei cittadini, che, per evitare che la loro città venga resa nota a tutti, si prendono la briga di eliminare ogni cartello stradale che riporti delle indicazioni stradali per raggiungere la cittadina.
Secondo veicolo "preso in prestito": Una Pontiac argentata.
Rubando, o meglio, prendendo in prestito, questa macchina, Axi capisce quanto sia bello vivere davvero e sentirsi viva, godendosi il momento, agendo senza pensare alle conseguenze delle proprie azioni.
 
Terza tappa: Presidio, una delle numerose baie di San Francisco.
Axi e Robinson, avendo un tetto sulla testa, decidono di dormire in macchina e ciò significa stare a molti più centimetri di distanza rispetto a quelli presenti in tenda.
Axi sentendo la mancanza del corpo caldo e rumoroso di Robinson affianco a lei, sarà tentata dall'impulso di avvicinarsi a lui e dormirgli appoggiata, ma non vi cederà.
Quindi, capisce che se può resistere alla mancanza delle piccole cose, come questa, o addirittura abituarsi, come nel caso della voce o del russare del padre, quando le cose importanti e grandi le verranno a mancare, riuscirà ad andare avanti.
 
Quarta tappa: Nob Hill, la famosa strada ripida di San Francisco.
Axi decide di fare una sorpresa a Robinson, portandolo a conoscere la scrittrice dell'unico libro da lui letto: Matthea North.
Questa autrice è colei che ha scritto uno dei libri preferiti di Axi: una vicenda che conta di una ragazzina alle prese con una famiglia distrutta, con una madre che se ne è andata e con un padre alcolizzato. Narra della storia di Matthea, e di Axi, seppur involontariamente.
Axi è una lettrice compulsiva, divora libri di poesie, classici e romanzi dal significato profondo e questa sua passione ha dato vita ad un'altra, quella della scrittura.
Axi sta tentando di scrivere un libro: "Grande Romanzo D'America", che ha l'intento di narrare della sua vita durante il viaggio on the road a zonzo per gli USA.
Ultimamente, la scrittura non sta dando buoni risultati e chiedendo consiglio a Matthea, lei le dirà di avere pazienza e che solo mettendo il cuore nel suo libro riuscirà nel suo intento, peccato che Axi, attraverso queste parole, capisce che il suo cuore è occupato, è nelle mani di un malandrino, Robinson.
 
Quinta tappa: Torrance, località nota per essere la culla dei piloti della NASCAR, Cal-Am Speedway.
Axi vuole fare una sorpresa a Robinson e quale miglior regalo se non un pomeriggio da passare in un circuito, per un ragazzo patito di motori?
Grazie ad una conoscenza di Axi, Brad Sewell e ad una Chevy verde da corsa, Robinson crederà di essere finito in paradiso.
Axi e Robinson capiscono il vero significato di "carpe diem", ovvero l'importanza di vivere il momento, perché tutto è incerto e ciò che conta veramente è il presente, nient'altro.
 
Sesta tappa: Walk Of Fame, Hollywood Hotel e i quartieri più in e ricchi della città degli angeli, Los Angeles.
LA fa capire ad Axi di essere cambiata: la BB sta lasciando lentamente spazio ad una BC, che sta per "bambina cattiva".
Con i pochi soldi rimastole, Axi organizza un'altra sorpresa a Robinson, prenotando una stanza all'Hollywood Hotel. Trascorreranno dopo tanto tempo una notte all'insegna del confort e del lusso sfrenato.
Quella notte, Axi e Robinson condividono lo stesso letto, dormendo nuovamente a pochi centimetri l'uno dall'altra e Robinson apparirà in sogno ad Axi, sotto forma di montagna e abisso in contemporanea, metafore di salvezza e distruzione.
Robinson è pericoloso per Axi, ma ciò non ha importanza per lei, sta iniziando ad adorare il pericolo e ama Robinson, perciò tutto il resto non ha importanza.
Il giorno seguente, Axi e Robinson decidono di salire sul pulmino turistico locale, per ammirare le ville delle celebrità, con la speranza di vederne una in carne ed ossa, e non il nome di questa in una stella rosa.
Tra le numerose regge, ve ne è una in vendita, incustodita, in cui Axi decide di intrufolarsi e fare un bagno nella lussuosa piscina esterna.
Axi, ammirando tutto quel denaro convertito in lusso, ville, giardini da favola e molto altro, capisce che il denaro compra solo cose materiali, di poco significato.
Lei ha tutto ciò che ha sempre desiderato: una vita spericolata e spensierata e un ragazzo bellissimo e pieno di valori accanto.
 
Settima tappa: Hammer Museum, Los Angeles.
Robinson è seriamente intenzionato a incontrare una star in carne ed ossa e facendo una sorpresa ad Axi, la porterà ad un evento di beneficienza in occasione dei centoventicinque anni di un ospedale, in cui prendono parte molte celebrità, per dare fondo al proprio conto destinato agli atti di generosità.
Imbucandosi a quella festa, vedranno molte celebrità e si renderanno conto che forse quel momento non durerà per sempre. La vita vera è dietro l'angolo ad attenderli.
Il giorno seguente, Robinson insegnerà ad Axi a guidare e la ragazza avrà un piccolo incidente, che le fa capire quanto tutto sia incerto e la paura di perdere Robinson le farà comprendere quanto sia fondamentale che lui venga messo a conoscenza dell'amore che lei prova per lui.
 
Ottava tappa: Las Vegas.
Dopo aver visto alcuni dei locali e delle attrazioni più conosciute della città dei peccati, sosteranno in un parcheggio di uno strip club, per dormire, ma saranno svegliati da delle ballerine del locale, che li informeranno del fatto che se sosteranno lì per tutta la notte, la loro macchina verrà portata via dal carroattrezzi.
Una delle ballerine si offre di ospitarli per la notte.
Durante la nottata, Axi non sopporta di dormire in una stanza da sola, perciò raggiunge Robinson e dormirà sul pavimento affianco a lui.
Axi capisce quanto sia complicata la parola "insieme" e quanto essa sia incerta, come ogni cosa, del resto e si rende conto di amare davvero, intensamente e irrimediabilmente Robinson.
 
Nona tappa: Neon Museum, il museo delle vecchie insegne a neon.
Terzo veicolo "preso in prestito": Una Porsche.
Robinson, guidando la Porsche, supererà il limite di velocità consentito e una pattuglia della polizia lo fermerà, chiedendogli patente e libretto.
Per evitare di finire in prigione, Robinson compirà diversi reati in pochi minuti: aggressione ad un poliziotto, a mano armata, rapimento e poi abbandono di un agente di polizia.
Scoperti in possesso di una macchina rubata, Robinson e Axi decideranno di calmarsi e di non compiere un reato per almeno un giorno intero e prenderanno un bus per giungere alla decima tappa.
 
Decima tappa: Alamosa, Colorado, dove vi sono le Grandi dune sabbiose.
In mezzo a quel piccolo pezzettino di Sahara, trasportato negli USA, Axi capirà che vi sono diversi tipi di sete, e la sua non è di acqua.
Quarto veicolo "preso in prestito": Un vecchio Pick-up.
Robinson, guidando il mezzo, si sentirà male, vomiterà sangue proveniente dal suo tratto gastro-intestinale.
I due si recheranno in ospedale e i presentimenti di Axi saranno fondati: Robinson è malato, di nuovo.
In questo capitolo verranno finalmente spiegati il come, quando e dove si sono conosciuti i due protagonisti e la malattia che colpì entrambi anni fa.
Axi è guarita e anche Robinson lo era...
Questa situazione porterà Axi a tirare fuori il suo coraggio e a rivelare a Robinson i suoi sentimenti, baciandolo.
Robinson rivelerà il suo reciproco amore per Axi.
 
In seguito, Robinson si rifiuterà di effettuare ogni esame richiesto dal dottore e deciderà di scappare dall'ospedale, perché scappare in questo caso significa scegliere di vivere, perché a volte è meglio bruciare che spegnersi lentamente.
Axi si chiede come ci si deve regolare quando quello che si vuole e quello che è giusto sono due cose opposte, quando vivendo la vita che si sceglie di vivere ci si condanna a morte. E' sicura di una cosa, però: lei e Robinson non possono prevedere il futuro e sapere quanto durerà, possono solo scegliere di essere felici e sentirsi vivi in quel preciso istante. Si promette due cose: non sarà più una BB, quella ragazza che ha aspettato troppo a lungo per decidere di amare ed essere amata da Robinson e nessuno morirà, nessuno.
Robinson decide di fuggire dall'ospedale, ma non da lei e dal loro viaggio on the road.
 
Undicesima tappa: Detroit/Motorcity.
Axi decide di fare una sorpresa a Robinson, portandolo nella città dei motori.
La cittadina è decadente, piena di macerie, ma qualcosa di vivo lo si trova sempre.
E' la prima tappa, il primo luogo che vede i protagonisti come coppia.
 
Dodicesima tappa: Standusky, Ohio, località nota per essere la capitale mondiale delle montagne russe, Cedar Point.
Le montagne russe sono come la vita, sempre in corsa, instabile e incerta.
Robinson parla con Axi dell'oblio e se lei crede che ci sia qualcosa dopo la vita.
Purtroppo, nessuno dei due ha una risposta, poiché nessuno dopo la vita ha mai scritto una lettera per comunicare cosa avesse trovato, ma Robinson promette ad Axi che lui le scriverà...
 
Tredicesima tappa: New York.
Axi trascina Robinson al Sant Mark's Books Shop e acquista un libro di poesie di Whitman, che Robinson "boccia" già dalla copertina. Aprendolo a caso, però, leggerà un verso che lo colpirà molto: in quelle parole il poeta comunicherà che l'erba è come il suo temperamento, tessuto di stoffa verde speranza.
Axi farà un regalo a Robinson, gli regalerà una chitarra.
Si recheranno al Met e in una tomba egiziana pomiceranno come due ragazzini.
Axi si sentirà in pace con il mondo e con se stessa: non sente la mancanza della sua vecchia vita, di Klamath Falls, poiché la persona che chiama "casa" e che è la sua vita è proprio il ragazzo che ha affianco a lei.
Robinson, che pensa sempre a mangiare, obbligherà Axi a portarlo al Nathan's Famous, dove si abbufferà di hot-dog fino a vomitare, e quella sarà l'ultima volta che Robinson vomita cibo a causa di una indigestione, come ogni persona in piena salute.
Axi si accorgerà di quanto il suo malandrino sia cambiato, l'ha fatto in modo così sottile e lento che non ci aveva mai fatto caso prima d'ora, o meglio, non voleva accorgersene.
 
Quattordicesima tappa: Philadelphia.
Quinto veicolo "preso in prestito": Mustang GT decapottabile.
Sarà la prima macchina rubata, anzi, presa in prestito, da Axi.
Axi e Robinson avranno una conversazione riguardante la cosa con cui hanno convissuto, con la quale stanno convivendo e con la quale convivranno: il cancro.
Perché Robinson è malato, ha il cancro, il Linfoma di Burkitt, una rara forma di cancro originaria dell'Africa Equatoriale. Il linfoma gli era stato diagnosticato anni fa, ma sembrava esserne uscito, sembrava.
Axi odia se stessa, perché a lei era stato diagnosticato anni prima il Linfoma di Hodgkin, la malattia ora è in stato remissivo, si può dire che lei sia guarita. Una domanda la tortura: perché io si e lui no? Perché non posso essere io al suo posto?
Axi e Robinson si amano e si ameranno per sempre, ma Axi si chiede per quale motivo il per sempre di Robinson debba essere meno lungo.
Forse semplicemente perché certi infiniti sono più piccoli di altri.
Axi è consapevole che Robinson non vivrà ancora a lungo, una ricaduta significa una morte quasi certa, ma ha deciso che il per sempre che Robinson può offrirle le basta. Se lo farà bastare.
 
Quindicesima tappa: Asheville, North Carolina, città natale di Robinson.
Finalmente, sapremo chi è veramente Robinson, perché non parlava mai di se stesso e della sua vita.
Robinson sta male, molto male e in quanto giovane ragazzo, ha sentito il bisogno di tornare a casa, dove può sentirsi amato, protetto prima di andarsene.
I giorni che seguiranno saranno durissimi, il viaggio on the road di Axi e Robinson si fermerà qui, nel peggiore dei modi...
 
Axi Moore non è più solo Axi, è se stessa e anche Robinson.
 
 
Dopo di lui, decise di mantenere le promesse che gli aveva fatto e scrisse il suo libro, una vicenda che raccontava di loro, dei loro momenti belli, ma anche brutti.
Scrisse il libro della loro vita, cercando di far rivivere Robinson attraverso quelle parole, per sempre.
Il libro che scrisse, quello che racconta del loro "viaggio", è il libro in sé.
 
Il loro amore, si erano promessi, sarebbe stato per sempre e quelle parole scritte da Axi, che formano il libro, ne sono la prova.
Axi e Robinson continueranno a esistere per sempre, non esiste uno senza l'altra.
Il loro amore è per sempre.

*Mi scuso per gli innumerevoli spoiler, ma non era possibile non rivelarli.*
 
LA MIA OPINIONE
 
Versione cartacea: TeaLibri, €6.90, 264 pagine (versione economica).
                             Corbaccio, €14.90, 264 pagine.
Versione digitale: €2.99, 264 pagine.
 
Ho acquistato questo libro perché folgorata dalla trama avvincente.
Adoro viaggiare più che arrivare a destinazione e, come sapete, mi nutro di storie d'amore, perciò ho acquistato il libro di getto, senza pensare troppo: cosa che non faccio mai.
 
Nutrivo grandi aspettative per questo libro e non ne sono rimasta affatto delusa.
La scrittura di Patterson è meravigliosa: chiara, elegante, trasparente, scorrevole e moderna.
Le descrizioni dei sentimenti, dei pensieri e dei posti visitati dai protagonisti sono incantevoli.
Attraverso le sue parole mi è sembrato di essere insieme ad Axi e Robinson a rubare veicoli, a combinarne di tutti i colori, a vedere il loro amore sbocciare e a compiere questo splendido viaggio on the road.

I capitoli sono 54, con un prologo e un epilogo.
Il narratore è Axi, la protagonista.
 
La vicenda, per certi aspetti è molto simile a "Colpa delle stelle", ma per simile non intendo scopiazzata, semplicemente simile.
E' un libro drammatico, struggente, profondo, intenso e pieno di sentimenti contrastanti.
E' un volume che narra di due ragazzi solo apparentemente normali, ma in realtà malati e alle prese con una vita e un qualcosa più grande di loro.
Ho adorato Axi e il suo coraggio e Robinson e la sua forza.
Patterson ha creato due personaggi pieni di spessore, descritti talmente bene da sembrare reali, veri.
 
Le parole dello scrittore sono talmente armoniose, belle, profonde e importanti da dare forma ad una vicenda particolare, difficile da descrivere con parole di senso compiuto.
Attraverso delle letterine nere stampate su della carta profumata ho viaggiato e vissuto.
E' un libro che arriva dritto al cuore e alla propria riserva di lacrime e fazzolettini di carta.
Da metà libro in poi, ho iniziato a piangere come una disperata, alla fine singhiozzavo, e nessun libro è mai stato in grado di far crollare ogni mia barriera in questo modo.
Proprio per questo "Il nostro amore è per sempre" è entrato a far parte dei miei libri preferiti.
 
Non ho trovato difetti in questo libro, anche la scelta di svelare molte pagine dopo la verità su Axi e Robinson, su come, dove e quando si sono conosciuti e sulla verità di Oscar Robinson, è stata azzeccata.
Se si fosse scoperto subito ciò che si cela a metà e fine libro, la vicenda non sarebbe stata così emozionante, intensa e travolgente.
 
La dedica scritta da Patterson a inizio libro mi ha fatta commuovere e comprendere che Axi Moore in realtà è lui e che Oscar Robinson è Jade, la sua amata (solo leggendo la dedica e il libro lo potrete capire).
Matthea North, la scrittrice, è simile ad Axi, ma in realtà Matthea, in questa vicenda, rappresenta Axi Moore che attraverso queste parole narra la storia di James Patterson, il vero scrittore.
Ciò che ho scritto qui sopra risulterà incomprensibile a molti di voi, ma vi fa capire quanto questo libro sia complicato, ma al tempo stesso semplice, stupendo, ma al tempo stesso struggente e straziante.
E' un volume prezioso, solo pochi ne capiranno il vero significato e valore, e io sono felice di essere stata una di questi.
 
Potrei parlare per ore e ore di questo libro, ma non so se voi apprezzereste!
Sarò breve e coincisa, perciò: stra e stra consiglio questo libro e gli assegno 5 stelle su 5!
E non scorderò mai l'omicidio commesso da Patterson, che mi ha fatto piangere prosciugando ogni riserva d'acqua presente all'interno del mio corpo!
 
Con tante lacrime, ringrazio James Patterson per aver creato questo capolavoro, che rileggerei altre mille volte!
 
Taggo qui la casa editrice: +Corbaccio Cartolibreria
 
La recensione è giunta al termine, non dimenticate di mettere un G+1, di condividerla dovunque e con chiunque voi vogliate e di seguire il mio blog (cliccando "segui" nella casella 'i miei adorati readers', che trovate a destra della pagina web).
 
Se avete già letto questo libro e volete scambiare quattro chiacchiere al riguardo, o desiderate averne maggiori informazioni, vi invito a scrivermi nei commenti qui sotto, sarò felicissima di rispondervi.
 
Alla prossima recensione! :)
 
Contatti
Twitter: Hugh_Me_Niall
Instagram: hughmeniall
Posta un commento