06 gen 2016

Recensione: "Stanotte il cielo ci appartiene" di Adriana Popescu

"Stanotte il cielo ci appartiene" di Adriana Popescu
 
 
Ciao mie care lettrici e miei cari lettori!
Ben tornati nel mio blog!
Eccomi qui, con la prima recensione dell'anno.
Oggi sono qui per parlarvi della mia ultima lettura, si tratta del romanzo rosa, di Adriana Popescu.
Iniziamo subito.
 
LA COPERTINA:
 
 
 
LA TRAMA:
 
Layla ha un grande sogno: catturare con la macchina fotografica immagini uniche in giro per il mondo.
Per il momento, però, si deve accontentare di fare la fotografa di eventi.
La sua storia di cinque anni con Oliver e la loro tranquilla routine in un appartamento nel centro di Stoccarda non consentono molto di più.
Una sera, però, in una discoteca dove viene chiamata per lavoro, la reflex di Layla si posa su un ragazzo che, con gli occhi chiusi e completamente isolato dalla ressa che lo circonda, balla al ritmo di una musica tutta sua, perso nei propri pensieri.
Layla è ipnotizzata da questa visione e gli scatta una foto proprio nell'attimo prima che una gomitata accidentale lo colpisca in pieno volto.
E' così che Layla e Tristan si conoscono. Ma da quel giorno non possono fare a meno di rivedersi: un giro in moto per la città, un pic-nic lungo il fiume, una serata a guardare le stelle cadenti.
Da semplici amici, certo! O almeno, è quello che si racconta Layla.
Ma qual è il confine tra amicizia e attrazione? E quanto coraggio ci vuole per buttare all'aria la propria vita?
 
LA RECENSIONE:
 
"Stanotte il cielo ci appartiene" è ambientato a Stoccarda, una metropoli della Germania, dove risiedono entrambi i protagonisti.
I protagonisti di questo libro sono Tristan e Layla.
Tristan, è un ragazzo triste, che nasconde questo suo malessere con un sorriso da bambinone, ama vivere e fa di ogni suo momento il suo preferito, proprio per questo un solo lavoro non gli basta, è un cameriere, un corriere, un buttafuori, un surfista e un cantante e musicista.
E' stato segnato nel profondo da una grave perdita, che lui non riesce ad accettare e credere reale e proprio per questo sulla mano ha un tatuaggio particolare, la parola "HOPE", scritta in caratteri tondeggianti.
Layla, è una ragazza forte, piena di sogni e ambizioni che non riesce a realizzare, principalmente a causa della sua paura di emergere e fare ciò che desidera, e anche a causa del suo fidanzato che sottovaluta le sue capacità di fare foto.
E' una fotografa di eventi, ma lei vorrebbe di più, non vorrebbe limitarsi solo a fotografare persone ubriache e in balia di tempeste ormonali.
Vorrebbe fotografare ogni posto del mondo, ogni angolo insolito e ricco di emozioni, luoghi come l'India, l'Africa e l'Australia, questo è il suo grande desiderio, sogno nel cassetto e grazie a Tristan riuscirà a realizzarlo.
Entrambi sono occupati in una relazione, lei con Oliver e lui con Helen.
 
La vicenda si apre con Layla che, come ogni sabato sera, si trova in una delle discoteche più affollate di Stoccarda, ingaggiata per fare foto dell'evento.
E proprio mentre la sua reflex inquadra un sacco di gente troppo sudata, troppo ubriaca, troppo su di giri, troppo tutto, un ragazzo in particolare attira la sua attenzione, si tratta di un ragazzo molto alto, con i capelli corti e castani, con la barba incolta e con un outfit molto semplice, insomma è un ragazzo normale, eppure qualcosa colpisce la nostra protagonista.
Quel qualcosa è il modo in cui quest'uomo sta ballando, tiene gli occhi chiusi e si muove ad un ritmo tutto suo, tutto il resto intorno a lui scompare e si percepisce solo la tristezza e la malinconia che in quell'attimo sovrastano l'anima di lui.
Il ragazzo in questione è Tristan Wolf.
La reflex di Layla scatta una foto, e quel momento appena provato da entrambi rimarrà impresso per sempre: una foto fantastica, piena di alchimia tra i due (anche se entrambi non ne sono ancora consapevoli), ricca di emozione e che racconta una storia, un genere di foto che Layla non faceva da molto tempo...
Ma poco dopo quel flash, Tristan viene colpito in pieno volto da una gomitata che gli causa una ferita piuttosto grave, appena sopra la palpebra dell'occhio.
Così, si reca al bancone del bar, un po' stordito e Layla lo raggiungerà, spinta da un coraggio che non pensava potesse esistere in lei.
E i due si guarderanno e sarà amore a prima vista, anche se non lo ammetteranno molto presto.
Layla medicherà la ferita di Tristan, e dopo quel primo incontro qualcosa dentro entrambi cambierà...
I due si presentano, e fra loro scatta subito una complicità molto intensa, che scombussolerà il mondo di Layla.
Da quel momento, entrambi non vedranno l'ora di stare insieme e di conoscersi meglio.
 
Dopo quel sabato sera, i due avranno modo di incontrarsi numerose volte.
Layla incontrerà Tristan proprio nel suo ufficio, due giorni dopo.
Tristan, infatti, è andato da lei per ritirare un pacco e consegnarlo ad un cliente della nostra fotografa, è un corriere della Pony Express.
Dopo questo incontro insolito, i due pranzeranno assieme in un chiosco rinomato di Stoccarda per gli hamburger deliziosi che vi si trovano, insomma passeranno moltissimo tempo assieme e i due in pochissimo tempo daranno forma ad un 'amicizia forte e bella, che però ben presto questo legame sia destinato a mutare in qualcosa di più intenso e diverso?
 
Nel corso della vicenda, vedremo i due passare molto tempo ciascuno in compagnia del'altra, vedremo Layla felice come non mai, vedremo Tristan tornare quel ragazzo solare e pieno di vita che era sempre stato, ma all'improvviso la ragione di Layla prevarrà su tutto e allontanerà Tristan per un breve periodo, perché lei si sta innamorando di lui e questa cosa è sbagliata, è da evitare, lei ha già un ragazzo, il suo amato Oliver, detto Oli.
Così lei e il suo ragazzo partiranno per una settimana e andranno a soggiornare sul Lago di Costanza, per cercare di ritrovare quella complicità che ormai non è più presente da molto tempo. E qui, Layla andrà ad un concerto di Thomas Pegram, cantante che esiste davvero.
E anche Tristan partirà, si recherà sulle coste della Francia per fare surf, ma lui andrà solo, che fine ha fatto la sua Helen? Perché lui ne parla sempre ma di lei non c'è traccia?
Dopo questa settimana, Layla capirà che il suo rapporto con Oliver è piuttosto infelice, lui non le dice mai "ti amo", mentre lei lo fa ogni tre secondi, lui non la abbraccia mai, non la bacia mai e non le dimostra mai che lei per lui è importante, anzi la dà sempre per scontata, come se nella sua vita lei fosse una cosa ovvia, e oltre che dare per scontato lei, dà anche per scontato il suo lavoro e la sua passione di fotografa.
Così Layla, diventa fredda nei confronti di Oliver, esattamente come lo è lui e tra i due presto sarà tutto destinato a finire.
 
 
Dopo la rottura con Oliver, Layla sarà chiamata da un caro amico di Tristan, lui chiederà a lei di recarsi a casa di Tristan, poiché sta molto male e lì avverrà una scoperta sconcertante.
 
La vicenda si chiuderà con una speranza.
Lei riuscirà a realizzare il suo sogno e capirà di non essere sola, di avere sempre al suo fianco lui, Tristan; E' solo grazie a lui se lei ora ha ricominciato a fare le foto che scattava tempo fa, perché lui è stato l'unico a credere in lei e nel suo talento e a spronarla a realizzare i suoi progetti, siccome la vita è troppo corta per sprecarla.
E Tristan capirà di dover lasciar andare una parte della sua vita, che ormai fa parte del passato e di ricominciare da dove aveva lasciato.
Entrambi seguiranno la loro strada ma si prometteranno una cosa.
Non vi svelo di più, non voglio rovinarvi il finale.
 
I miei passi preferiti del libro sono tre: quando lui le fa passare una serata indimenticabile, sotto il cielo stellato e davanti allo splendore della città illuminata di Stoccarda, regalandole il suo primo momento preferito con lui; Quando lei è in aeroporto pronta a realizzare il sogno di una vita; E la Stoccarda di Layla e Tristan, queste piccole e bravi paginette si trovano alla fine del libro e cercando le foto su Google dei meravigliosi posti citati nella vicenda mi sono resa conto che grazie alla descrizione della scrittrice mi sembrava di esserci già stata!
Viaggiare senza muoversi, non c'è niente di più bello!
 
LA RECENSIONE:
 
E' stata una lettura intensa, piacevole e che mi ha fatta sognare ad occhi aperti, come pochi libri sanno fare.
 
Il libro cartaceo ha 317 pagine e un costo di €9,90 ed è la versione che ho letto io.
Quello digitale ha 265 pagine e costa €5,99.
I capitoli sono narrati tutti in prima persona, da Layla.
E credo che sia stata anche questa caratteristica a rendere la storia più profonda, sembrava il diario di Layla e questo mi è piaciuto particolarmente, siccome per tutta la vicenda mi sono trovata in sintonia con lei.
 
Ho trovato il libro molto molto bello, le tematiche che si affrontano sono profonde e descritte largamente, forse avrei apprezzato se fosse stata spiegata meglio la tristezza di Tristan e la sua situazione, ma comunque la lettura è stata bellissima lo stesso.
E' ufficialmente il mio secondo libro preferito, poiché pochi libri sono capaci di emozionarmi e farmi sognare ad occhi aperti e questo è uno di quelli.
Sul finale del libro mi sono emozionata, e sono rimasta con le lacrime agli occhi e un sorrisone per ben 5 minuti, e quando l'ho terminato avrei voluto ricominciarlo di nuovo!
Al termine della lettura sarete segnati dal passato tormentoso di Tristan e dall'incredibile storia d'amore fra lui e Layla.
 
Questo libro l'ho letto molto volentieri, è semplicemente stupendo, intenso e scritto benissimo!
Il modo in cui scrive la Popescu è meraviglioso, sa descrivere i luoghi e gli ambienti di Stoccarda in modo a dir poco stupendo, e sembra di essere lì con Tristan e Layla.
E le descrizioni delle emozioni, dei sentimenti e dei pensieri dei due protagonisti sono stupende, inevitabilmente si proveranno le stesse sensazioni e si sarà più coinvolti nella vicenda.
 
La Popescu però, ha deciso di farci penare un pochettino, concludendo la vicenda sul più bello, vorrei tanto scoprire come vivrà il suo sogno Layla e come andrà a finire fra lei e Tristan.
Il continuo c'è, ma non è stato tradotto in italiano! Spero che lo traducano prossimamente.
Dita incrociate!
 
Detto questo, ho adorato questo libro e ho amato i personaggi, tranne Oliver, lui l'ho letteralmente odiato! ;)
 
Se questa recensione vi è piaciuta mettete un +1, e condividetela su qualunque social voi vogliate.
 
Alla prossima! :)
E buona Epifania a tutti!
 
Mi trovate anche qui:
Su Instagram: @ hughmeniall
Su Twitter: @ Hugh_Me_Niall
Su Google+, il profilo collegato a questo blog.
 
 
 
 
Posta un commento