07 lug 2016

Recensione: "SUCCEDE" di SOFIA VISCARDI

"SUCCEDE" di Sofia Viscardi
 
Ciao miei cari booklovers e bentornati nel mio blog!
Oggi sono qui per parlarvi della mia ultima lettura, si tratta di un romanzo rosa scritto dalla penna della YouTuber Sofia Viscardi: "Succede".
Iniziamo subito.
 
LA COPERTINA
 
 
La copertina è molto bella, dai colori pastello e dall'atmosfera suggestiva, estiva e che sa di avventura, rappresenta a pieno ciò che si cela all'interno del libro.
Il titolo è il libro stesso: ogni cosa accade senza prima aver avuto modo di programmarla o di prepararsi al suo arrivo, semplicemente...succede. Ad esempio l'amore, il primo amore.
La descrizione presente nella fascetta blu descrive ciò che la vicenda narra.
 
LA TRAMA
 
Succede anche che Sofia Viscardi si sia alzata alle cinque di mattina per scattare la foto di un'alba milanese. Un piumone sui tetti, le sneakers rosse, la camicia denim, la macchina fotografica, le cuffiette, un libro, "Il mondo di Sofia", stanno lì ad arredare una scena clou che accade nel suo romanzo.
"Succede" racconta la vita di Margherita, una ragazza che somiglia un po' a Sofia: lei è timida, è goffa, è insicura. Fa fatica a relazionarsi con gli altri, non le piace attirare l'attenzione. Ha i capelli ricci sempre arruffati, non ha mai tempo, perché è sempre in ritardo con la vita.
Sullo sfondo della Milano contemporanea, fatta di bar e localini, le avventure eroicomiche a scuola e i primi baci: il diario delle emozioni, di amori e di paure, di verifiche scolastiche e sentimentali.
Come sono fatte le relazioni all'epoca dei social?
Perché Samuele, che è il più figo della scuola, la punta? E Olimpia, la disinibita amica del cuore, che c'entra? E Tom che sempre la segue, sui social e nella vita?
E poi i casini del sesso che si avvicina. Ma non basta. C'è anche la famiglia, con un padre ambientalista che non usa la macchina né lo shampoo e tira la cinghia sul riscaldamento. E una madre severa, implacabile sui ritardi, ma sempre presente nei momenti difficili.
E' quella fase della vita in cui ci si fanno tante domande. E Sofia Viscardi risponde con "Succede", un romanzo allegro come una festa tra ragazzi di notte su un tetto, che diviene, nella seconda parte, come fossimo in un videogioco che passa di livello, un intenso diario delle emozioni, delle sensazioni, delle passioni. Dei sentimenti. Tutti da sperimentare.
Un diario veloce e incalzante scritto in diretta e per post: come su Facebook.
Perché il mondo è tutto ciò che accade.
Succede.
Un libro come un bacio lungo un giorno e una notte, con quello stesso sconvolgimento.
Un libro come la prima vera lettera d'amore.
 
LA RECENSIONE
 
Questo libro mi sento di consigliarlo, in primis, a coloro che stanno vivendo personalmente questa strana fase di cui scrive Sofia: l'adolescenza.
Lo consiglio anche a chi, ormai, dell'adolescenza ne ha solo più un vivido o sfocato ricordo, e che attraverso questo libro può tornare indietro nel tempo, a quegli anni in cui nessuna domanda ha una risposta chiara e coincisa.
 
"Succede" è ambientato nella Milano contemporanea, fra il liceo socio-pedagogico, i bar-tabacchi, le tavole calde e i locali notturni della capitale della moda, fra le case dei personaggi che compariranno nel corso della vicenda e il tetto di una di esse.
La protagonista di questo libro è Margherita, una ragazza di quasi diciotto anni, frequentante il penultimo anno di liceo. E' nel bel mezzo dell'adolescenza, vede la sua vita scorrere davanti a lei, ma non ne ha pieno possesso. Si sente brutta, fuori posto, sbagliata, goffa, insicura e tremendamente imbranata nelle emozioni e nell'esprimerle, tutto ciò è dovuto ad un passato orribile e che ancora la tormenta.
 
I co-protagonisti sono i suoi due unici veri e migliori amici: Tom e Olimpia.
Tom è un ragazzo più piccolo di un anno rispetto a Margherita, frequentante il terzo anno di liceo. Anche lui è nel bel mezzo di quel turbinio di emozioni, sensazioni, avventure e prime volte chiamato adolescenza. Conosce Margherita da quando entrambi ancora non muovevano i primi passi su questa terra. Insieme hanno vissuto la loro infanzia, si sono dati il loro primo bacio e questa strana ma fortissima loro amicizia continua a permanere nella vita di entrambi. Il loro è uno strano rapporto, non hanno bisogno di parole per comprendersi, insieme condividono i loro silenzi.
Olimpia è una ragazza di quasi diciotto anni, frequentante il penultimo anno nello stesso liceo di Margherita. Anche lei si trova incastrata in quel disastro stupendo e al tempo stesso orribile chiamato adolescenza. E' la migliore amica della protagonista da ormai quattro anni. Fanno tutto insieme, si sostengono l'una con l'altra. Olimpia è tutto ciò che Margherita desidera disperatamente di essere, proprio per questo le due amiche si completano alla perfezione, ciò che manca ad una di loro appartiene all'altra.
 
La vicenda si apre con la routine quotidiana di Margherita e con essa si ha una presentazione di ciò che è lei e della sua vita.
Nelle prime pagine abbiamo un'adolescente che conduce una vita definita "piatta".
Trascorre le sue giornate alzandosi di malavoglia dal letto, con sempre pochi minuti a disposizione per migliorare il suo aspetto, finendo per uscire di casa struccata e con una tuta indosso. Dopodiché sempre in ritardo, corre alla fermata del suo mezzo preferito: il 60, un bus che la porta a qualsiasi ora in qualunque posto lei desideri andare.
Se la fortuna gira a suo favore riesce a prendere il bus in tempo, altrimenti è costretta a correre fino a scuola, arrivando in ritardo e finendo per non essere ammessa alla prima ora di lezione. Margherita ha accumulato così tanti ritardi da aver esaurito le scuse per giustificarsi.
Trascorre quelle noiose ore confinata in un banco, a sentir parlare delle professoresse che la detestano, ma almeno ha Olimpia al suo fianco, con cui scambiarsi sguardi che solo loro due interpretano correttamente.
Alla fine delle lezioni, esce di tutta fretta da quell'edificio contenente una massa informe di adolescenti in piena fase ormonale e si dirige alla fermata del bus, a volte, invece, si ferma al bar vicino a scuola per mangiare un toast con Tom, altre volte, si reca a casa di Olimpia insieme a lei e al loro amico.
Passa i pomeriggi a studiare per le verifiche del giorno prima, sui compiti di matematica cercando di capirci qualcosa, o in compagnia dei suoi amici.
La notte, le piace stare sveglia, per perdersi ore e ore in un bel libro, in compagnia di una bella tazza calda di caffè fatto da lei, che inevitabilmente fa bruciare, dimenticandoselo sul fornello.
Questa è l'adolescenza, la vita e la quotidianità di Margherita.
Ma qualcosa, o meglio qualcuno, travolgerà queste sue uniche e piccole certezze.
 
Un pomeriggio di metà gennaio, Margherita si trova sul bus, destinata ad andare a casa di Olimpia. E' comodamente seduta accanto al finestrino, con le cuffiette nelle orecchie e il naso immerso in un libro, "Il mondo di Sofia", quando all'improvviso sente una voce calda, gentile e maschile, una voce a lei ancora sconosciuta.
Alzando lo sguardo dal libro, incontra due occhi verdissimi, che le sorridono, incastrati in un ragazzo alto, bello e moro. Quel ragazzo sta sorridendo a lei e le ha appena detto "bel libro"! Margherita, non essendo abituata ad affrontare situazioni di questo genere, tirerà fuori la sua maschera fredda, impassibile e diffidente.
Il ragazzo, però, non si farà indietro tanto facilmente.
Samuele, questo è il suo nome, è il nuovo compagno di scuola del suo liceo, è un anno più grande rispetto a lei, è il più figo dell'intero complesso scolastico e sta puntando a lei, questo per la protagonista non potrebbe sembrare più strano. Crede si tratti di uno scherzo.
Ben presto, però, i due trascorrono alcune giornate insieme, a parlare mentre passeggiano, o mentre sorseggiano un cappuccino in un delizioso bar.
Samuele è attratto mentalmente e fisicamente da Margherita, ma per lei non è lo stesso, almeno non subito. Ha paura delle emozioni e dei pensieri contrastanti che questo ragazzo dagli occhi verdi le suscita e per reprimere questa sua paura scappa, non conosce altro modo per evitare di provare ciò che lui le provoca.
Dopo le prime uscite, gli sms di lui a cui Margherita non risponde, i suoi sorrisi e i suoi modi gentili quando si incontrano per i corridoi di scuola, qualcosa fra i due cambia e nel giro di alcune settimane iniziano una relazione. La prima vera storia d'amore della protagonista.
Samuele è alcune sue prime volte. Samuele è il primo ragazzo che lei desidera baciare, abbracciare e amare.
Ed ecco che la sua adolescenza muta, diventando più movimentata.
Quando le cose sembrano andare per il meglio e, finalmente, Margherita è felice e serena, dal cellulare della sua amica Olimpia legge una conversazione che non avrebbe mai dovuto lontanamente vedere.
Quegli sms la mettono di fronte ad una realtà straziante: le basi di quella relazione che sta vivendo con Samuele, sono solo bugie, menzogne, ideate da Olimpia.
Samuele, la prima volta che ha rivolto la parola a Margherita, quel pomeriggio di gennaio, sul bus, non era attratto o incuriosito da lei. Stava semplicemente seguendo le direttive di Olimpia.
Olimpia, ha saputo sin dal principio che Samuele e Margherita sarebbero finiti insieme e, secondo lei, ha solo dato una spintarella agli avvenimenti, per far si che il tutto accadesse più velocemente. Così, ha spinto Samuele ad avvicinarsi alla protagonista, solo che per il ragazzo subito dopo quel loro primo approccio non si è più trattato di finzione, stava iniziando a scoprire la vera essenza di Margherita e ad amarla con tutte le sue perfette imperfezioni.
L'amica della protagonista, a suo parere, ha solo spinto Samuele ad agire come avrebbe fatto di sua spontanea volontà con il passare del tempo, voleva che Margherita si aprisse con qualcuno, fidandosi e facendo cadere i muri che ha innalzato intorno a sé e che sono difficili da abbattere. Ha solo trovato una persona che con il tempo avrebbe imparato ad amare la sua amica senza riserve.
Olimpia non si sbagliava, questo è chiaro, ma Margherita non voleva apprendere ciò da una conversazione su WhatsApp tra Tom e la sua amica, voleva sapere la verità dai due carnefici di questa ridicola situazone, da Olimpia e Samuele.
Margherita è sconvolta, in una decina di sms ha scoperto che: Tom è innamorato di lei da sempre, ma che ha timore di rivelarle i suoi sentimenti perché ha paura di perderla anche come amica, e non potrebbe mai sopportarlo; Olimpia e Samuele l'hanno ingannata, facendole iniziare la sua prima vera relazione sulla base di menzogne e sotterfugi.
Così ecco che l'adolescenza della protagonista muta nuovamente, diventando un enorme casino, da cui non riesce ad emergere.
Margherita si ritrova sola, gli unici suoi più cari amici l'hanno tradita e anche il suo ragazzo ha fatto lo stesso. Inizia a fare nuove conoscenze: le sigarette, il fumo che fa scivolare via l'ansia, il dolore e il nervosismo per una frazione limitata ma sufficiente di tempo; Stefania, una sua compagna di classe, agli antipodi rispetto a lei, ma con cui si trova bene, con lei inizia ad uscire i sabati sera e a bere fino a dimenticarsi persino il suo nome.
A salvarla da quella situazione pericolosa in cui sta cadendo, arriva Tom.
Fra i due succederà qualcosa destinato a cambiare il loro rapporto? Margherita ama Tom? Forse si, ma non se ne era mai resa conto fino a quel momento in cui le labbra di lei si sono posate sulle sue, facendola volare letteralmente in un mondo parallelo senza preoccupazioni di nessun tipo.
Lui la ama per quello che è, le piace non solo per come appare fuori, ma anche dentro.
Ama ogni piccola cosa di lei.
Lei sta imparando a riconoscere che il sentimento che prova per Tom è ben diverso da una semplice amicizia.
E da questo momento tutto cambia.
Succede che Margherita e la sua adolescenza cambiano di nuovo, ma questa volta in meglio?
Qui inizia la seconda parte della vicenda, quella in cui i capitoli sono brevissimi e contengono i pensieri, i momenti più profondi che la protagonista condivide e prova con Tom.
Di nuovo, quando tutto sembra andare per il meglio e Margherita è tornata alla sua solita vita, con in aggiunta un ragazzo splendido che la ama, una proposta sportiva mette Tom di fronte ad una scelta: andare in un'altra città e accettare una allettante carriera sportiva di basket o rimanere per lei, per se stesso, per loro, per ciò che hanno costruito.
Tom opterà per la proposta sportiva. Lascerà Margherita sola, indifesa, distrutta.
Prima di andarsene le prometterà che quando sarà il loro momento, il momento giusto,
l'andrà a riprendere.
Tom rispetterà questa sua promessa?
Margherita riuscirà ad alzarsi nuovamente o questa volta deciderà di rimanere stesa, sul fondo?
 
Il finale sarà un happy-end, in gran parte autoconclusivo, ma non per questo meno intenso ed emozionante.
 
LA MIA OPINIONE
 
Consiglio vivamente a chi vorrà leggere questo libro di acquistarne la versione cartacea, in primis perché la copia vi rimarrà per sempre, a differenza di quella digitale e poi, perché il libro è stupendo, a partire dall'immagine di copertina, dalla copertina flessibile (che personalmente adoro), per finire a ciò che si cela all'interno di esso.
Il libro in versione cartacea costa €16.90, mentre quello digitale €9.99.
La casa editrice è la Mondadori.
 
Il libro è diviso in due parti: la prima parte, identica a qualunque altro libro, in cui vengono narrati fatti, pensieri, emozioni, sensazioni, avventure e in cui vengono descritti dialoghi; la seconda parte, sotto forma di diario, in cui la protagonista racconta di ciò che ha con Tom, di quello che prova per lui, di quello che prova anche lui, delle loro litigate, del loro fantastico ma, al tempo stesso straziante, rapporto. 
I capitoli sono numerati dall'1 al 70, sono brevi, scorrevoli, contemporanei.
La voce narrante è quella della protagonista, anche se, attraverso la sua emergono anche quelle di Olimpia e di Tom, in un modo sorprendentemente insolito e affascinante.
Le pagine sono circa 283, sia per il cartaceo che per il digitale.
 
La scrittura della Viscardi è favolosa.
Non troppo elaborata, ricercata ed elegante, ma fresca, corretta, chiara, coincisa e intensa e soprattutto scorrevole.
Margherita assomiglia moltissimo a Sofia, proprio per questo motivo le parole che ha scritto nel libro sono profonde e piene di significato celato tra le righe.
Mi sono rispecchiata fin da subito in Margherita e in ogni singola frase, parola, lettera scritte dalla Viscardi.
Ho apprezzato molto che i capitoli siano brevi ma pieni zeppi di sensazioni, emozioni, pensieri, avventure e dialoghi. Questa costruzione, invita il lettore a perdersi nelle pagine di questo libro e a continuare nella lettura fino ad arrivare alla fine della vicenda, avendo perso la cognizione del tempo, con la testa e il cuore immersi nella storia e con gli occhi colmi di lacrime dovute alla rabbia, alla tristezza e alla gioia che prova la protagonista.
Richiedo ogni singola caratteristica appena descritta sopra in ogni libro, questo non mi ha delusa per niente.
Inoltre, la seconda parte del libro potrà risultare affrettata e poco chiara, ma ciò non potrebbe essere più sbagliato, perché quando ci si trova coinvolti in una esperienza nuova per la prima volta, tutto accade velocemente, senza spiegazioni, semplicemente succede, e Sofia attraverso questa seconda parte ne rende perfettamente l'idea.
 
E' un libro stupendo.
L'ho letto senza pregiudizi, conosco poco Sofia, non la seguo come YouTuber o semplicemente sui social. Mi sono fidata del mio istinto da lettrice compulsiva, affascinata dal titolo, dalla trama e dalla copertina e non potevo fare scelta migliore.
Ho letto molti commenti negativi riguardanti Sofia Viscardi, la sua persona e il suo lavoro come scrittrice di questo romanzo, ma non sono d'accordo con nessuno di essi.
Sofia Viscardi, in questo contesto va giudicata come scrittrice e ideatrice di questa splendida e travolgente storia d'amore, e da me riceve un giudizio più che positivo.
Ho trovato questo libro un mondo bellissimo in cui perdersi, attraverso queste parole mi sono sentita compresa e accettata, in quanto adolescente di un anno più piccola rispetto alla protagonista.
Si può considerare il libro della vita. Ci sono alcune fasi della vita, e questo volume rappresenta quello dell'adolescenza.
Ogni adolescente dovrebbe leggerlo, si sentirebbe capito, apprezzato e non solo.
Sofia Viscardi ha spiegato in modo chiaro, coinciso e inaspettato che cosa è l'adolescenza, in quanti e quali modi si può affrontare e quanto questo momento sia importante e splendido seppur incasinato.
 
Non riesco a trovare difetti a questo libro, l'ho adorato e divorato.
Pochi libri sono capaci di coinvolgermi a tal punto ed ecco perché questo volume ha allargato la mia classifica di libri preferiti da tre a quattro.
Assegno a questo libro 5 stelle su 5 e lo consiglio assolutamente!
 
Taggo qui la scrittrice, con la speranza che legga questa mia recensione e che sappia quanto il suo libro mi ha travolta in senso positivo: +Sofia Viscardi 
Taggo qui la casa editrice: +Mondadori Store +Mondadori Pub 
 
La recensione è giunta al termine, spero vi sia piaciuta e se così è stato, vi invito a mettere un G+1 e a condividerla dovunque e con chiunque vogliate.
Se avete già letto questo libro o desiderate avere maggiori informazioni inerenti a esso, vi invito a scrivermi nei commenti qui sotto, sarò felicissima di rispondervi.
 
Alla prossima recensione! :)
 
Contatti:
Twitter: Hugh_Me_Niall
Instagram: hughmeniall
 
NEL CASO VOGLIATE ISCRIVERVI COME LETTORI FISSI AL BLOG, VISUALIZZANDONE LA VERSIONE WEB O VISITANDOLO DAL PC, POTETE FARLO, GRAZIE ALLA CASELLA APPOSITA COLLOCATA A SINISTRA DELLA PAGINA DEL BLOG.
Posta un commento