08 set 2016

Recensione: "SEI TUTTO QUELLO CHE NON VOLEVO" di JEKY EMME

"SEI TUTTO QUELLO CHE NON VOLEVO"
di Jeky Emme
 
 
Ciao miei adorati readers e bentornati nel blog!
Oggi vi parlerò della mia ultima lettura, si tratta di un romanzo rosa dalle sfumature ironiche e stra romantiche, auto-pubblicato dalla scrittrice, Jeky Emme: "Sei tutto quello che non volevo".
 
LA COPERTINA
 
 
 
La copertina è bellissima.
Il titolo rappresenta a pieno l'intera vicenda, ovvero un uomo e una donna che trovano la loro metà della mela, nonostante essi siano, l'uno per l'altra, ciò che non avrebbero mai voluto.
L'immagine di copertina rappresenta una delle scene più intense, emozionanti e decisive dell'intero libro.
La citazione riportata in basso è significativa: i due caratteri forti e ribelli dei protagonisti verranno messi insieme e si creerà una guerra, di che tipo lo scoprirete solo leggendo...
 
LA TRAMA
 
Non c'è una vera e propria trama, poiché la scrittrice ha deciso di scrivere una sorta di prologo in essa, che troveremo a inizio libro con il nome di sinossi.
 
Ho deciso di riportare le frasi che compaiono nella copertina che costituisce il retro del volume (edizione cartacea), per poter dare un'idea, a voi che mi leggete, di che libro vi parlerò.
 
"Un romanzo ricco d'amore, odio e passione.
Le regole sono fatte per essere infrante, Matt e Baby in questo sono molto bravi.
Se aggiungiamo un po' di karma e di sfrontatezza, otteniamo l'unione di due anime ribelli e imperfette."
 
LA RECENSIONE
 
Questo libro è consigliato a chi crede nell'amore: quel sentimento che sbuca all'improvviso e scombussola ogni piano e criterio, rendendo tutto più colorato e imperfettamente perfetto.
A chi desidera leggere di una insolita, particolare e divertente storia d'amore, ricca di ironia, scene divertenti, battibecchi, odio e amore, ambientata a New York, in alcuni dei mesi più freddi dell'anno.
A chi desidera immedesimarsi nelle due anime tormentate, buie, misteriose, ribelli e imperfette dei protagonisti di questa vicenda.
 
"Sei tutto quello che non volevo" è ambientato a New York e nei dintorni della Grande Mela.
I protagonisti di questo libro sono Baby Davis e Matthew Cooper.
 
Baby (no, non balla il mambo come quella Baby di Dirty Dancing), è una ragazza forte, simpatica, divertente, solare, testarda e ribelle.
E' cresciuta in una famiglia di sole donne, gli uomini nella sua vita non esistono: non ha bisogno di una figura maschile che la protegga e sorregga nei momenti difficili, non ne ha mai potuto aver bisogno, poiché suo padre una sera è uscito di casa sbattendo la porta e non è più tornato.
Quando suo padre c'era, si trattava più di una figura ingombrante sul divano che faceva soffrire costantemente la madre della protagonista, a causa dei continui tradimenti che lei si ostinava sempre a perdonare, con la speranza che forse un giorno tutto sarebbe cambiato, in meglio.
E' per questo che Baby non concede secondi appuntamenti o seconde occasioni: quando qualcosa si rompe non si potrà mai più aggiustare. Per quanta colla e amore uno ci possa mettere, mancherà sempre quel piccolo pezzetto che farà crollare di nuovo tutto. Ecco perché a 27 anni è ancora felicemente single e innamorata unicamente della vita.
La figura paterna inesistente, ha visto Baby costretta a crescere da sola e prima del tempo, a capire che le cose non rimangono mai invariate, a togliersi da sola le rotelle dalla bicicletta, ad andare da sola sui pattini, a non avere mai un uomo da chiamare "eroe" o da descrivere come il suo principe azzurro, il suo primo amore e ad andare avanti perché la vita perfetta non esiste, perché nella sua imperfezione bisogna avere il coraggio di trovare il proprio angolo di paradiso.
Baby è la donna forte e indipendente che è ora grazie alla sua grinta e alla sua forza di rialzarsi da sola, perché quasi sempre l'unica persona in grado di aiutarti sei proprio tu.
Con gli anni, gli incubi in cui una porta sbatteva sono del tutto svaniti, e Baby si è ripresa in mano la sua vita, il suo spazio, il suo tempo.
In una vita piena di mancanze, Baby ha capito che solo una cosa non sarà mai rovinata dal tempo che scorre rapido: la foto.
Perché in una fotografia tutto rimane invariato: le emozioni, gli sguardi, i sentimenti, le persone, i ricordi. Tutto rimane fermo, come sospeso in un mondo senza tempo, dove le lancette dell'orologio non esistono, dove non esistono guerre e dove nessuno può soffrire.
Ecco perché Baby è una giovane ma in gamba fotografa di matrimoni, con uno studio fotografico tutto suo, il "Black&White"; Anche se i suoi sposi dovessero separarsi, dentro le sue foto resteranno per sempre quella coppia innamorata che si guardava con amore e desiderio. Ecco perché Baby ha deciso di dedicare la sua vita a fotografare l'emozione più bella, perché nessuno possa mai cancellare quello che è stato.
La coppia di innamorati formata da sua madre e quella specie di padre fantasma si è spezzata troppo presto, lasciando solo tristezza e dolore ai superstiti, ovvero a chi è rimasto: sua madre, sua sorella Jess e lei.
Baby ha superato quel dolore e quella malinconia, si è alzata da sola ed è tornata ad essere la Baby furba, testarda, dalla lingua tagliente, coraggiosa, solare, ribelle e semplice che  era prima.
Il tempo...è il suo più grande nemico, per questo è tornata quella di tempo fa, la parte di Baby che più le piace, e sempre per questo scatta foto capaci di fermare le lancette dell'orologio.
Nonostante ciò, però, ha innalzato delle barriere impenetrabili intorno a sé o quasi...
 
Matthew Cooper, Matt per gli amici, è un ragazzo forte, dinamico, testardo, stronzo e ribelle.
Il suo passato e quasi tutto ciò che lo riguarda è avvolto in un manto impenetrabile e misterioso.
La sua anima ribelle lo costringe a non avere una relazione stabile, poiché essere fidanzato per lui corrisponde a rinchiudere la sua anima in gabbia, privandolo della sua vera essenza. Ecco perché all'età di circa 30 anni è ancora single.
Trascorre le serate in locali, in cerca di una donna disposta a passare una notte di passione e follie con lui, Matt si sente un po' un leone in cerca della sua preda giornaliera, ma non può fare altrimenti, poiché non ha ancora trovato una ragazza per cui valga la pena cambiare o simile a lui. Non ancora...
Matt è un famoso fotografo di eventi, ha uno studio tutto suo, il "FineArt Photo", fare foto è la sua vita, non si sa spiegare questa sua grande passione verso la fotografia e il bisogno primordiale di fotografare un qualcosa che vorrà portare sempre con sé, così come l'ha visto, in modo da conservarne un vivido e invariabile ricordo.
 
La vicenda ha inizio con una sinossi.
"C'è una cosa che il tempo non cambierà mai, ed è una foto", lo sa bene Baby che di questo ne ha fatto uno stile di vita, diventando una tra i fotografi più richiesti di New York.
E lo sa bene anche Matt, uno dei fotografi più famosi della City, che si vedrà portare via da sotto il naso, proprio dalla protagonista, un primo matrimonio e poi anche un secondo...
Baby e Matt saranno rivali nel lavoro e nella vita, perché quando il karma ci mette lo zampino, tira fuori incontri inaspettati e non voluti.
Cosa potrebbe succedere se si provano a mettere due fotografi in conflitto, uno un Canonista (Matt) e l'altra una Nikonista, che non si vogliono far scappare il matrimonio più importante per la carriera dei loro studi? E se quei due fotografi fossero proprio Baby e Matt, reduci da un incontro "traumatico"?
E cosa succederebbe se per qualche altro strano gioco del karma, o forse di Matt, fossero costretti a dover condividere la stessa stanza?
Due stili uguali nella vita privata e con delle regole da rispettare per entrambi. E se fossero proprio loro lo strappo alle loro stesse regole, cosa accadrebbe?
Baby e Matt sono due pezzi di uno stesso puzzle. Uno di quelli grossi e complicati, con tanti piccoli pezzi da incastrare, con due pezzettini che non si riescono mai a trovare e che non si incastrano agli altri, perché con tutti gli altri non hanno niente a che fare, ma che una volta finito è magnifico e unico.
Il loro sarà un odio e amore che li porterà a battaglie senza fine, ma anche a vivere un'intensa e turbolenta storia d'amore.
Da questa guerra ne uscirà uno solo, nessuno o tutti e due?
 
Dopodiché, due capitoli presentano Baby e Matt.
Il loro primo incontro può essere definito "traumatico": come ogni sera, Matt è seduto al bancone del solito locale, in attesa di una donna con i requisiti da lui imposti, disposta a passare una sola notte di follie e passione.
Ma qualcosa o meglio qualcuno attira l'attenzione di Matt, sconvolgendo i suoi piani per la serata e la sua vita: una ragazza dai capelli folti, morbidi, di un castano semplice che le ricadono semplicemente e perfettamente sulle spalle, fino alla curva della schiena, dal corpo snello e minuto, dagli occhi color cioccolato fuso e dall'abbigliamento semplice.
La ragazza è Baby, intenta a chiamare a gran voce il barista, che non ne vuole sapere di servirla velocemente, e mentre aspetta i suoi drink, Matt le si avvicina, cercando di abbordarla con i suoi sorrisi e le sue solite battute "strappa mutandine", che su Baby sortiscono un tutt'altro effetto, e i drink da lei ordinati finiranno sui pantaloni di Matt.
L'uomo, ancora deciso a far cedere Baby alle sue avances, si avvicina al suo tavolo e parlando con l'amica scoprirà il suo nome e qualche parola sbagliata farà si che Baby colpisca i gioielli di famiglia di Matt, facendolo pentire di essersi interessato ad una ragazza isterica e acida come lei.
Il giorno seguente, Matt e sua sorella Kelly, prossima alle nozze, si recano nello studio fotografico "Black&White". Kelly desidera che suo fratello sia solo un invitato, un ospite e il suo testimone al matrimonio e non un fotografo, così ha deciso di rivolgersi ad una fotografa emergente, alle prese con un inizio carriera promettente.
Appena varcata la soglia, Matt e Baby incateneranno i loro sguardi pieni di fuoco l'uno all'altra e per tutta la durata dell'appuntamento non faranno altro che punzecchiarsi, sfidarsi e criticarsi.
Matt è determinato a far cambiare idea a Kelly, convincendola a far fare le foto dell'evento a lui, ma anche Baby lo è. Chi avrà le meglio?
 
Dopo questi primi incontri/scontri, in cui il karma di Baby ci ha messo lo zampino, segue l'ennesimo appuntamento al buio di Baby organizzato da sua madre e sua nonna, da lei soprannominate l'agenzia matrimoniale di Poppy&Piper.
Come ogni altro incontro, il ragazzo di turno scapperà a gambe levate dopo soli quindici minuti e Baby sarà di nuovo libera e decisa a non concedere secondi appuntamenti.
Successivamente, Kelly decisa ad avere come fotografa Baby, le comunica che si dovrà incontrare con la wedding planner Clio per organizzare ogni aspetto del ricevimento fin nei minimi dettagli, quello che non sa, però, è che ci sarà Matt a sorvegliare che lei non faccia nemmeno il più piccolo errore.
Matt vedendo arrivare quella ragazza minuta, semplice ma che ha qualcosa che lo attira, decide di fingere che loro siano una coppia prossima al matrimonio, e ingannando Clio, faranno le prove per il primo ballo, sulle note di niente meno che "The time  of my life", richiesta da Matt per far arrabbiare Baby e il ragazzo, notando il braccialetto rumoroso di lei, decide di soprannominarla "campanellino".
Baby, adirata e infastidita da Matt, nella sala della decorazione delle wedding cakes, sorprende l'uomo, facendolo sedere sopra ad una ciotolina di ganache al cioccolato, che sembrerà ben altro, vista la macchia posizionata proprio sul retro dei jeans di Matt!
 
Dopo alcune settimane, Baby e le sue amiche sono sedute al locale dove lei e Matt si sono conosciuti.
Baby è decisa a godersi la serata, togliendosi dalla testa colui che da giorni occupa inspiegabilmente la sua mente e sembra che il karma sia dalla sua parte questa volta, siccome attira l'interesse di un ragazzo alto, muscoloso, dall'aspetto nerd, ma al tempo stesso affascinante, Anthony.
I due si recano in pista per ballare, quando all'improvviso una voce maschile, profonda e a lei familiare, irrompe chiedendo un cambio di dama.
Sulle note di "Dangerous" Matt e Baby ballano per la seconda volta, i loro corpi sono nuovamente appiccicati, non permettendo nemmeno ad un filo d'aria di separarli e Matt, senza ragionare, propone a Baby una sfida che consiste nel far innamorare l'altro, prima che ci riesca l'altro.
Questa sorta di guerra, sarà la guerra che darà inizio a tutto...
Baby, determinata a vincere, mentre è avvinghiata al corpo imponente e forte di Matt gli morde il labbro inferiore e gli sussurra all'orecchio "Baby is dangerous", prima di lasciarlo da solo in mezzo alla pista, con gli ormoni ancora in subbuglio per un quasi bacio.
Alcune settimane dopo, Matt si trova a Central Park con le sue nipotine di tre anni, Amber e Sophia, una di queste due bimbe corre andando a sbattere contro una ragazza e facendola cadere sulla ghiaia ed è così che alzando gli occhi Baby noterà Matt.
I due dopo una breve chiacchierata e dopo aver conosciuto le nipoti di Matt e il cane di Baby, decidono di fare una scommessa: fotograferanno il tramonto, senza controllare lo scatto, due settimane dopo un loro collega valuterà gli scatti e chi perderà sarà costretto a subire la penitenza, decisa dal vincitore.
Se Baby perde, dovrà trascorrere un'intera giornata con lui e le bambine, andando a vedere l'accensione dell'albero, e non ci potrebbe essere peggior incubo che trascorrere la giornata con lo stronzo (come lo chiama lei) e con delle bimbe dalle mani sempre sporche e impiastricciate.
Se Matt perde, dovrà tingersi i capelli di biondo, con tanto di colpi di sole e presentarsi così al matrimonio della sorella, e Matt odia quel colore di capelli.
Il tramonto è pronto per essere scattato, con il laghetto che grazie alla luce fioca e rossa del sole riflette i colori e le chiome degli alberi, Baby e Matt scattano allo stesso tempo: lui con la sua Canon e lei con la sua Nikon.
Non controllano gli scatti e chiudono i rullini in una busta sigillata.
Chi sarà il vincitore? (Io tifo per Matt! Così avrò l'onore di recarmi al Rockefeller Center in sua compagnia e di vederlo alle prese con due bimbe capricciose e una Baby in versione "sarò gentile con le bimbe, così assilleranno solo te e nel mentre escogiterò varie torture da infliggerti!)
Lo scatto migliore è quello di...Matt!
Matt, Baby, Amber e Sophia trascorrono una giornata intera insieme: si parte dalla pista di pattinaggio, dove Baby si ritrova a pattinare più con il sedere che con i piedi, si prosegue con un giro in carrozza per Central Park, un giro fra i mercatini natalizi, una breve fermata al Toys "R" Us e ben quattro giri sulla ruota panoramica del negozio e si termina con l'accensione dell'albero.
 
Successivamente, Clio, Kelly, Matt e Baby si incontrano per delineare ulteriori particolari del matrimonio e per decidere la location dove si terrà quest'ultimo.
Matt, come sempre, ha da ridire sulla scelta della fotografa e Clio per porre fine a questo diverbio, propone al ragazzo di assisterla come Art Director, ovvero spetterà a lui la cura dell'aspetto estetico di tutto ciò che fotograferà Baby.
Un altro appuntamento al buio organizzato dall'agenzia Poppy&Piper tiene occupata Baby, sino all'arrivo del weekend, che passerà fuori, nella location del matrimonio, per iniziare ad allestirla.
Le stanze dell'albergo in questione sono tutte occupate, a causa di un improvviso matrimonio, e Baby è costretta a condividere la camera con Matt!
In quella stanza, fra quelle quattro mura, Baby e Matt saranno lo strappo alle loro stesse regole: per quei tre giorni sono due anime ribelli che trovano l'una nell'altro l'incastro perfetto, ma tutto ciò è destinato a finire sul nascere, poiché Baby fa promettere a Matt che una volta usciti da quella stanza, fra loro tornerà tutto come prima.
Matt e Baby in quel weekend si sentono completi, piacevolmente intrappolati in una dimensione sospesa fra la realtà e la fantasia, si sentono felici e in pace con loro stessi, come non mai.
Baby sarà tante prime volte di Matt, e viceversa: nessuno dei due ha mai dormito con qualcuno, abbracciati per giunta, nessuno dei due ha mai provato quella dolce sensazione di perdersi l'uno dentro all'altra, nessuno dei due si è mai sentito tanto completo quanto lo è con l'altro.
Il matrimonio è alle porte, Baby e Matt stanno controllando che ogni cosa sia al proprio posto e Matt racconta come vede Baby, perché una donna forte come lei, la vedi non la noti, e lui l'ha vista sin dal primo istante, non sa cosa gli stia capitando, ma sa che da quella sera al locale in cui lei gli ha versato addosso dei drink non c'è stata più nessuna, oltre lei.
Matt vuole solo Baby. Desidera solo lei. E' come un bambino che non riesce a smettere di mangiare la cioccolata, che non ne è mai sazio.
Durante il matrimonio, Matt organizza una sorpresa a Baby e inoltre, le dedica "Dangerous" suonata al pianoforte, come simbolo dell'amore che prova per lei, ma del quale né lui e né lei sono a conoscenza.
Il weekend del matrimonio è giunto al termine e rispettando quello che avevano stabilito, ciò che c'è stato tra loro è destinato a rimanere fra quelle quattro mura che li ha visti complici alla luce della luna, unica silenziosa spettatrice del loro legame fra corpi, menti e anime e in quell'edificio urbano modernizzato, che Baby tanto adora.
 
Sono passate alcune settimane e nessuno dei due è riuscito ad andare avanti con la propria vita, entrambi sono rimasti fermi con il cuore, la mente e l'anima in quella stanza che li ha visti come Matt&Baby.
Gli ormoni di Baby stanno impazzendo e per distogliere i suoi pensieri da Matt, decide di recarsi al solito locale ed è lì che totalmente ubriaca balla con Anthony, lasciandosi baciare da lui. Dopo quel casto bacio, si allontana dalla pista, scombussolata dai suoi pensieri che continuano a ricordarle le sensazioni che ha provato e prova con Matt e che con Anthony non ha provato.
Per tacere questi suoi sentimenti, beve ancora e si ritrova a ballare sul tavolo, sulle note di "All of me", suonata al pianoforte da niente meno che Matt, che terminata la canzone, fa scendere Baby dal tavolo e la porta di peso a fare una passeggiata per farle smaltire la sbornia.
Dopo la lunga passeggiata, Matt porterà Baby a casa in moto, ma prima deve portarla a casa sua per mostrarle una cosa.
Lì finiscono per rompere la loro promessa, cedendo di nuovo a quel desiderio infuocato dall'amore e dall'odio che entrambi provano l'uno per l'altra.
Matt non ha mai portato nessuna a casa sua, Baby è la prima e l'ultima.
Al suo risveglio, però, Baby è sparita, lasciandolo da solo, con le sue emozioni messe a nudo.
Recandosi in bagno, Matt nota i graffi fatti da Baby nella notte, sulla sua schiena e affianco un bacio rosso, simbolo dell'odio e dell'amore che entrambi provano l'uno per l'altra, emozioni che insieme non  si sposano bene, ma che danno vita a ciò che sono insieme: un incastro dannatamente perfetto delle loro anime ribelli e imperfette.
 
Una settimana dopo i due si incontrano in un ristorante cinese. Entrambi in dolce compagnia.
Cederanno alla gelosia che provano l'uno per l'altra, discutono animatamente difronte ai clienti del locale, volano piatti, cibo e bacchette, dopodiché cedono alla passione che provano e si baciano appassionatamente: amore e odio, ciò che sono sempre stati e che saranno per sempre.
 
La vicenda si chiuderà con un epilogo, che narrerà il lieto fine di Baby e Matt quattro anni dopo quella loro riconciliazione nel locale cinese.
 
LA MIA OPINIONE
 
Edizione digitale: €0.00, 319 pagine.
Edizione cartacea: non disponibile, se non contattando la scrittrice tramite il suo profilo Instagram, Facebook o mail, che possiede alcune copie cartacee acquistabili dei suoi libri.
I capitoli sono 19, con in aggiunta una sinossi e un epilogo.
Alcuni capitoli sono narrati da Baby, altri da Matt e alcuni da entrambi.
Aspetto che ho apprezzato particolarmente, adoro le storie in cui compaiono entrambe le voci dei protagonisti, ancor di più se in contemporanea, dividendosi il capitolo.
 
Questa recensione è particolarmente importante, poiché Jeky Emme è una delle mie scrittrici preferite: attraverso le sue parole, ha la capacità di catapultarmi in una dimensione parallela, facendomi vivere attraverso i suoi personaggi, facendomi innamorare dei protagonisti maschili da lei creati, Matt mi ha rubato il cuore sin dalle prime righe da lui narrate, facendomi sognare un amore come quelli da lei creati e facendomi viaggiare attraverso le sue descrizioni, in posti come New York, il Rockefeller Center, ecc.
 
E' la seconda volta che leggo questo libro, e lo rileggerei altre centinaia di volte, senza mai stancarmene!
Baby e Matt, l'amore che c'è fra loro, New York e l'accensione dell'albero e chi più ne ha più ne metta, sono gli aspetti che mi fanno adorare ogni singola pagina di questo libro, rendendolo meraviglioso, sublime, emozionante e unico.
 
In questo libro non ho trovato difetti, sarà banale da dire, ma è la pura verità: è un libro difficile da descrivere, ad alcuni può piacere e ad altri no, a me non solo è piaciuto, ma l'ho adorato!
I personaggi sono talmente reali da sembrare vivi, l'amore che c'è fra Baby e Matt è descritto talmente bene da sembrare reale, palpabile e vero, i luoghi descritti lo sono perfettamente, tanto da volare con la mente fino a New York.
I fatti sono descritti con semplicità e con voga, durante la lettura mi sembrava di essere lì con Matt e Baby, ad assistere alle loro litigate, alle loro frecciatine, ai loro sguardi ardenti di passione e amore, ai loro momenti di complicità.
 
Jeky Emme insegna che l'amore non è fatto solo di "amore", ma anche di odio, che a volte una litigata con passione è più significativa di un bacio o un abbraccio.
"Sei tutto quello che non volevo" è uno dei romanzi più emozionanti e intensi che io abbia mai letto.
Non si tratta della solita storia d'amore sdolcinata e colma di cliché, i personaggi non sono convenzionali, il modo in cui scrive Jeky è scorrevole, fluido e unico.
 
Sfogliando il libro e soffermandomi su qualche frase, un sorriso che contagia anche gli occhi e delle lacrime di gioia fanno capolino.
Il finale è stata la ciliegina sulla torta e sapere che i quattro anni trascorsi dal riconciliamento e dall'epilogo del libro sono narrati in "Sei tutto quello che voglio", il continuo, mi rende felice e non vedo l'ora di leggerlo!
 
Potrà sembrare banale, ma ho amato tutto di questo libro.
Non vi ho trovato difetti, l'ho letto in un paio di notti, immedesimandomi in ogni singola pagina, piangendo, arrabbiandomi, sorridendo, ridendo, commuovendomi grazie alle parole scritte da Jeky e alla vicenda da lei creata.
 
E' un libro che stra consiglio di leggere e al quale assegno 5 stelline su 5 e non vedo l'ora di leggere il continuo che ho già tra le mie mani!
 
Ringrazio la scrittrice per le copie cartacee dei suoi ultimi due libri, per le dediche scritte in essi e per dedicarmi sempre un po' del suo tempo per chiacchierare di tutto e niente sui social!
 
La recensione è giunta al termine, non dimenticate di mettere un G+1, di condividerla dovunque e con chiunque vogliate e di seguire il mio blog (nella barra a destra troverete le apposite e diverse caselle per l'iscrizione al blog come lettore fisso).
 
Se avete già letto questo libro e volete scambiare quattro chiacchiere al riguardo, o desiderate averne maggiori informazioni, vi invito a scrivermi nei commenti qui sotto, sarò felicissima di rispondervi!
 
Alla prossima recensione! :)
 
Contatti
Twitter: Hugh_Me_Niall
Instagram: hughmeniall
 
 
 
 

Posta un commento