25 set 2016

Recensione: "SEI TUTTO QUELLO CHE VOGLIO" di JEKY EMME

"SEI TUTTO QUELLO CHE VOGLIO"
di JEKY EMME
 
Ciao miei adorati readers e bentornati nel mio blog!
Oggi vi parlerò della mia ultima lettura, un romanzo rosa, scritto dalla favolosa Jeky Emme: "Sei tutto quello che voglio".
 
LA COPERTINA
 
 
La copertina è bellissima!
Il titolo rappresenta a pieno l'intera vicenda e la verità più profonda che riguarda il rapporto che c'è fra Baby e Matt, una complicità nata sin dal primo loro incontro e costituita da scommesse, sfide, battute, scatti rubati, risate, lacrime di dolore e di gioia e odio e amore, ciò che Baby e Matt sono stati, sono e saranno sempre.
L'immagine di copertina raffigura i due oggetti simbolici dell'amore che c'è fra i due protagonisti: la macchina fotografica, in quanto entrambi sono il positivo nato da un negativo l'uno dell'altra e il braccialetto con il campanellino di Baby, che da un ricordo doloroso e triste, si trasforma in un incredibile e prezioso gioiello simbolo della vita e del rumore di un sogno diventato realtà, il rumore della felicità.
 
LA TRAMA
 
Non c'è una vera e propria trama, poiché la scrittrice ha deciso di riportare una sorta di prologo in essa, che compare a inizio libro con il nome di "sinossi", all'interno della quale Jeky Emme riporterà un mini riassunto del libro precedente, dove tutto ha avuto inizio.
 
Perciò, ho deciso di riportare le frasi che compaiono nella copertina che costituisce il retro del volume (edizione cartacea), per poter dare un'idea, a voi che mi leggete, di che libro vi parlerò:
<<Ci sono persone nel mondo, fatte l'una per l'altra.
Destinate a stare insieme.
Ma mai nessuno avrebbe pensato che loro sarebbero arrivati a tanto...
Entrate ancora una volta nella vita di Baby e Matt.
Benvenuti ai loro nuovi primi appuntamenti.>>
 
LA RECENSIONE
 
Questo libro è consigliato a chi crede nell'amore, quel sentimento che giorno dopo giorno si rafforza, diventando un qualcosa di indissolubile e prezioso, predestinato ad insinuarsi nell'anima e a non uscirne mai più; quella grande emozione composta da tante altre piccole emozioni, che, tutte insieme, smontano e ricreano, aggiustando, ma non cambiando la persona, bensì solamente le sue crepe riportate nel tempo...
A chi ha letto "Sei tutto quello che non volevo" ed è curioso di addentrarsi nuovamente nella vita di coppia di Baby e Matt, scoprendo nuovi lati di entrambi, una nuova vita e nuove fantastiche avventure, riguardanti nuovi primi appuntamenti, week-end insieme, primi incontri e sorprese con la s maiuscola.
A chi ama l'amore, in tutte le sue forme e varie sfumature.
 
"Sei tutto quello che voglio" è ambientato a New York, a Kingston (sulla riva del fiume Hudson), a Lake George, nelle colline degli Hampshire e nelle Litchfield Hills a Morris.
I protagonisti sono Baby Davis e Matthew Cooper: conosciuti nel libro precedente: "Sei tutto quello che voglio" (recensione qui).
 
Nel volume precedente, li avevamo lasciati all'epilogo, nel bel mezzo delle loro nozze, in compagnia di un tornado di energia e felicità di nome Ethan.
In "Sei tutto quello che voglio", avremo modo di leggere di Baby e Matt nei quattro anni trascorsi dal loro rappacificamento in un ristorante giapponese-cinese e dall'epilogo che funge da finale del libro precedente.
Questo loro secondo racconto, quindi, nasce dall'idea di Matt di informarci dei quattro anni, appena accennati, nel primo volume che li vede come protagonisti.
 
La vicenda sarà costituita dall'alternanza fra l'oggi e alcuni brevi aneddoti, ricordi e momenti vissuti in quei quattro anni che trascorrono prima del loro matrimonio.
Matt apre la vicenda partendo dall'inizio, cioè subito dopo la loro rappacificazione in quel locale giappo-cinese e, poco prima di partire con il racconto del loro passato, allietando il lettore con la sua ironia e sfacciataggine che lo rendono il Cooper conosciuto nelle pagine del primo volume, e con i soliti litigi carichi di passione, frecciatine e amore con la sua Baby.
Subito dopo quel loro riavvicinamento nel ristorante che ha visto Baby e Matt infuocati dalla rabbia e pochi istanti dopo dalla passione che provano l'uno per l'altra, i due passano una notte infuocata nell'appartamento di Baby, e il mattino successivo nessuno dei due è scappato: ormai, il corpo di uno appartiene all'altro, non sono in grado di vivere distanti, poiché solo insieme danno vita ad una persona felice, viva e completa.
La mattina, Matt si trova in cucina, nudo, con in dosso solo il grembiule da cucina, intento a preparare la colazione alla sua Baby, quando dalla porta fa capolino una donna di mezza età tale e quale alla protagonista: si tratta di Poppy, la madre di Baby.
Matt, non avrebbe mai immaginato di conoscere ufficialmente la madre della sua ragazza completamente nudo, reduce da una notte focosa e carica di amore, ma nonostante ciò, Poppy verrà conquistata dal seducente e affascinante Cooper e dal suo fondoschiena, lasciato scoperto dal grembiule, e sul quale la donna non potrà non fare cadere lo sguardo...
Dopo questa prima e imbarazzante conoscenza, Matt incontrerà l'agenzia Poppy&Piper alcune settimane dopo, vestito e nell'appartamento della madre e della nonna materna di Baby, sotto il loro sguardo attento, indagatore e curioso.
Inutile dire che Matt conquisterà le due donne, ricevendo la loro più sincera ammirazione.
Dopo Matt, parla Baby, che racconta di come si sente da quando al suo fianco c'è il suo Cooper: al posto della donna acida, forte e dalle mille difese ora vi è una ragazza solare, sprizzante gioia da tutti i pori, serena, tranquilla e innamorata, ma non in pace con se stessa, o non completamente, almeno. Quel braccialetto rumoroso che prima la calmava, ora le ricorda solamente l'uomo che l'ha abbandonata e che, ora, la spinge a pensare che Matt farà ben presto lo stesso.
Grazie ad una lettera in cui Baby riporterà ogni suo più piccolo pensiero mai detto ad alta voce riguardante suo padre e il suo passato, riuscirà a raggiungere quella massima e completa pace e serenità che bramava da tempo e inizierà a viversi e a vivere Matt a pieno, senza "se" e senza "ma".
Le barriere di Baby crolleranno definitivamente e il protagonista imparerà ad amare e a conoscere a fondo, giorno dopo giorno, la sua metà della mela.
La protagonista festeggerà veramente, dopo tanto tempo, il suo compleanno e inizierà finalmente a tenere il giusto conto degli anni, non fermandosi più alle solite venticinque candeline su una torta casalinga preparata dalle amorevoli mani di sua madre: Matt, infatti, la coglierà di sorpresa, facendo sistemare su un tavolo una torta per ogni anno di vita, fino ad arrivare a quella decisiva, la rivelatrice della sua effettiva età.
 
Per Matt è fondamentale lottare per sentirsi vivo, e capisce che lottare per Baby è una delle poche scelte giuste della sua esistenza: lei è l'unica ragazza che desidera ogni giorno di più, la sua droga e il suo cioccolato preferito, l'unica donna che vuole e vorrà per sempre al suo fianco.
In questa vita non si possono decidere molte cose, tra le poche c'è quella di scegliere chi amare, per chi lottare e per chi soffrire e a Matt piace la sua scelta.
 
Matt, è fermamente convinto che amare significhi onorare, venerare, bramare ogni giorno la propria donna, anche attraverso un piccolo gesto quotidiano ed è per questo che decide di organizzare tantissimi nuovi primi appuntamenti per Baby, il primo fra questi un week-end con tappe a Kingston, Lake George e negli Hampshire, nel quale il protagonista sorprenderà Baby con un tramonto visto dalla cima del faro di Kingston, una cenetta in una graziosa casetta a schiera tipica del luogo, illuminata interamente da candele e nella quale i due vivranno momenti intimi riconducibili al loro primo week-end a Long Island, il fine settimana che dette vita a loro due insieme.
Dopo questo primo nuovo appuntamento, Baby, decisa a compiere un passo importante, propone a Matt di andare a vivere insieme e lui, inaspettatamente, senza pensarci, risponde di si e danno inizio alla ricerca della casa perfetta, la loro, ma ciò si rivelerà molto più difficile del previsto, intanto Baby e Matt si troveranno a passare alcune delle festività più importanti dell'America, insieme per la prima volta.
La prima sarà Halloween: nelle strade buie, illuminate solo dalla luce fioca di alcuni lampioni, da zucche intagliate e dalla luna piena, i due vestiti a tema, accompagneranno le nipotine di Matt, Amber e Sophia, a fare dolcetto  e scherzetto e bussando ad una porta, conosceranno un'amabile vecchietta che darà loro un consiglio per il corretto funzionamento di una relazione, ovvero, i due dovranno essere in grado di trovare il giusto equilibrio nel loro rapporto, esattamente come per la ricetta di un dolce, e in seguito, la signora darà loro il recapito telefonico di una sua conoscenza che vende una casa, secondo lei, perfetta per loro.
Baby e Matt, vanno a vedere la graziosa villetta di cui gli parlò la vecchietta e rimanendone entrambi affascinati, decideranno di acquistarla e passeranno per la prima volta il Thanksgiving insieme, a casa loro e in compagnia delle corrispettive famiglie, che si incontreranno per la prima volta.
Dopo il Giorno del Ringraziamento, sarà il turno di Natale, durante il quale Baby si lascerà prendere dall'entusiasmo di festeggiare veramente e dopo tanto tempo quella festività che tanto amava da piccola, comprando montagne e montagne di decorazioni natalizie di ogni tipologia, che Matt, sarà costretto a rimandare indietro ai mittenti, tenendo però la renna a led e la carta igienica con sopra la faccia di Babbo Natale che Baby adora.
Insieme alle decorazioni tenute, la protagonista conserverà uno scatolone, contenente una graziosa e particolare cassetta per la posta a forma di macchina fotografica, più precisamente una Nikon, motivo per il quale Matt non sarà tanto felice della scelta, poiché convinto Canonista, a differenza della sua fidanzata, convinta Nikonista.
Dopo vari battibecchi, la cassetta della posta verrà posizionata e sopra il paletto verranno scritti i cognomi "Cooper Davis", nonostante l'irritazione di Baby nel vedere il suo cognome scritto per secondo.
Per la seconda volta, poi, Matt e Baby si recheranno ad assistere all'accensione dell'albero al Rockefeller Center e la protagonista trascinerà il povero Cooper in giro per i mercatini natalizi, con le braccia colme di pacchetti.
Un altro primo nuovo appuntamento di Matt, organizzato per il loro primo Capodanno, sorprenderà Baby: un week-end nelle Litchfield Hills, a Morris, all'interno del villaggio Winvian Farm. I due soggiorneranno all'interno del cottage più bello dell'intero complesso: una casa sull'albero a due piani, interamente in legno e con ampie vetrate.
Qui, Matt, domanda a Baby: "se io fossi Peter Pan, tu saresti la mia Trilly o la mia Wendy?", ma la protagonista non sa cosa rispondere, poiché Trilly fa una brutta fine grazie a Peter Pan e Wendy è una sorta di madre apprensiva per lui e Baby non riesce a comprendere il senso di quella domanda e cosa significhi davvero...
 
E' il compleanno di Matt, e Baby deve vendicarsi perché d'ora in avanti, per colpa sua, dovrà contare correttamente gli anni che avanzano incessanti quando sarà il suo e perciò monta un video contenente alcuni video e alcune foto imbarazzanti di Matt da piccolo e numerosi fotomontaggi di lui a dei concerti di boy band (che lui detesta) intento a strillare dall'eccitazione in mezzo a masse di adolescenti in preda a crisi ormonali, prepara una torta palloncino che gli scoppierà in faccia e dirà ad una vecchietta che Matt ha posato gli occhi su di lei e che sarebbe molto interessato a fare la sua conoscenza, ma Cooper saprà tirarsi fuori da ognuno degli scherzi organizzati da Baby e la metterà in ridicolo davanti all'intero locale della festa, cantando All Of Me e raccontando ad ogni involontario spettatore di quella volta in cui la sua fidanzata ballava ubriaca su un tavolo di quello stesso bar sulle note della stessa canzone, cantata da lui, ma in cui lei non riconobbe la voce del suo amato, troppo su di giri per connettere il cervello.
 
In seguito, Matt dice a Baby che è giunto il momento di sposarsi, perché lui sente il bisogno di ufficializzare davanti alla legge che lei è sua e lui è suo, non glielo domanderà come farebbe ogni uomo, ma glielo dirà, poiché Matt è abituato a non chiedere mai niente, ma a dire come stanno i fatti.
Allo stesso tempo, Baby ha un annuncio da fare a Matt: è incinta e non vuole sposarlo, convinta che lui lo voglia fare solo perché è in dolce attesa e anche perchè due novità di questa importanza sarebbero troppe tutte assieme.
Nonostante ciò, Matt spiega a Baby che lui non è più Peter Pan, quel ragazzo voglioso di non crescere e che imparò a volare grazie alla polvere magica di Trilly che era agli inizi del loro rapporto, ora vuole crescere e maturare con lei al suo fianco, che ora è divenuta la sua Wendy, quella ragazza matura e dolce disposta a vivere il resto dei suoi giorni con Peter Pan, il ragazzo pronto a crescere e per simboleggiare ciò, regala a Baby un ciondolo a forma di Trilly, per ricordare ciò che lei è stata, è e sarà per sempre per lui: quella ragazza, l'unica, con cui desidera volare, ma al tempo stesso crescere e maturare, costruendo solide fondamenta per un futuro insieme.
Dopodiché Matt e Baby, sono alle prese con l'inaspettata gravidanza di lei: non cercavano un bimbo, ma è arrivato, mettendoli davanti al futuro, una parola che spaventa entrambi, anche se stanno iniziando a comprenderla e a non averne più timore.
Matt guardando Baby e il suo pancino lievitare di giorno in giorno, si rende conto della magia della vita e della capacità dell'amore di dare vita ad un'esistenza.
I due si recheranno a fare la prima ecografia e sentendo per la prima volta il cuore di quella vita nata dal loro amore, si emozioneranno e si renderanno conto di essere prossimi a diventare una vera famiglia.
 
Matt dice una frase significativa a Baby: "sei il mio positivo dopo un negativo", parole che solo la sua Baby può comprendere.
Una foto si crea in una camera oscura e tutto ha inizio da un negativo, che se trattato e maneggiato con cura diviene un positivo, e lui si rende conto che presto il negativo della foto di Baby che si specchia di profilo con il pancione dallo specchio, ben presto diventerà un positivo, una nitida e chiara foto che raffigurerà una famiglia.
 
I mesi della gravidanza avanzano e ben presto Baby si ritrova alla quarantesima settimana, il bimbo che ha nel grembo a quanto pare ha intenzione di farsi desiderare e quando finalmente nasce, Matt e Baby sono due persone nuove, rinate, consapevoli di essere un padre e una madre, una famiglia. Il miracolo è avvenuto, l'amore tra Baby e Matt ha dato vita a Ethan, un bimbo perfetto, dall'aspetto angelico, ma dall'animo di un diavoletto e dai capelli neri e gli occhi chiari esattamente come il papà.
Il tempo passa, ed Ethan ben presto inizia a camminare e in ricorrenza del primo di aprile, Baby decide di dare una risposta a Matt, organizzandogli una sorpresa.
Matt, facendo ritorno da lavoro, trova la casa silenziosa e apparentemente vuota, illuminata solo da delle candele presenti sulle scale, così decide di seguire quel sentiero di fuoco e appese alle pareti vi sono nuove foto, che raccontano attraverso immagini e sguardi, i momenti più belli della loro storia d'amore: dalle loro prime volte alla nascita di Ethan e alle loro prime volte con lui, di conseguenza. Matt, segue le candele fino alla camera da letto e trova Baby seduta al centro del loro letto con appeso dietro uno striscione che dice "DOBBIAMO SPOSARCI!", così i due organizzano il matrimonio grazie all'aiuto della romantica e stramba wedding planner Clio, conosciuta nel libro precedente.
 
Baby e Matt sono quelle due persone fatte l'una per l'altra e che si sono cercati, trovati e che ora si stanno amando.
Sono due persone folli, che hanno dato vita ad un amore che scompone e ricrea senza però cambiare. Un amore in cui il gioco non è contemplato, ma lo sono solo due mondi che uniti ricompongono le crepe create dal tempo...
Dopotutto, le cose imperfette sono più belle di quelle perfette e le anime imperfettamente perfette di Baby e Matt ne sanno qualcosa...
 
A fine libro, Matt domanda al lettore chi, secondo lui, ha vinto la scommessa e io gli rispondo dicendo che hanno perso entrambi, ma al tempo stesso vinto, hanno vinto l'amore dell'altro che ha dato vita a quella scommessa e alla voglia di entrambi di vincerla, per poi perderla in verità. Si vince anche quando si perde, e questo ne è il perfetto esempio...
 
LA MIA OPINIONE
 
Edizione digitale: €00.00, 163 pagine.
Edizione cartacea: non disponibile, se non contattando la scrittrice tramite il suo profilo Instagram, Facebook e mail, che possiede alcune copie cartacee acquistabili dei suoi libri.
I capitoli sono 18, con in aggiunta una sinossi.
Alcuni capitoli sono narrati da Matt, altri da Baby e alcuni da entrambi: aspetto che ho apprezzato particolarmente, poiché adoro le storie in cui compaiono entrambe le voci dei protagonisti, ancor di più se in contemporanea, dividendosi il capitolo.
 
Questa recensione è particolarmente importante, poiché Jeky Emme è una delle mie scrittrici preferite: attraverso le sue parole, ha la capacità di catapultarmi in una dimensione parallela, facendomi vivere attraverso i suoi personaggi, le storie d'amore di essi, le emozioni e le sensazioni che lei descrive, e facendomi innamorare dei personaggi maschili da lei creati, Matt mi ha rubato il cuore e ogni briciolo di lucidità sin dalle prime righe del primo volume e in questo è diventato ufficialmente una delle mie crush librose preferite in assoluto, e facendomi sognare un amore travolgente e inaspettato come quelli da lei narrati, e, infine, facendomi viaggiare attraverso le sue descrizioni, in posti come New York, il Rockefeller Center, ecc.
 
Questo loro secondo libro è una bomba, un insolito seguito di un libro, che ho adorato e che rileggerei altre centinaia di volte, senza mai stancarmene!
Baby e Matt, la loro complicità, i loro punzecchiamenti, New York, i primi nuovi loro appuntamenti creati da Matt, Ethan, Matt Cooper, l'alternanza fra presente e passato e chi più ne ha ne metta, sono gli aspetti che mi fanno adorare ogni singola pagina di questo libro.
 
In questo libro non ho trovato difetti, sarà banale da dire, ma è la pura verità: è un libro difficile da descrivere, Matt e Baby mi si sono insinuati nella mente, nel corpo, nel cuore, nei sorrisi, negli occhi in un modo inspiegabile e travolgente e questo libro non mi è solo piaciuto, l'ho adorato!
I personaggi sono delineati in un modo particolare e inusuale, da sembrare reali, l'amore che c'è tra Baby e Matt è palpabile, realistico e forte da quanto ben descritto, i luoghi raccontati da Jeky lo sono talmente bene da far sembrare il lettore in ogni singolo posto, con Baby e Matt, durante la lettura.
 
Jeky Emme insegna che l'amore va al di là del sentimento di amare, del voler bene. L'amore è complicità, crescere, maturare, sognare in due, incastrarsi l'uno all'anima dell'altra, cercarsi tra mille volti e trovarsi subito, capirsi da un semplice sguardo, lottare sempre e con ogni fibra del proprio corpo non dando mai per scontato l'amore, creare la vita dal sentimento che si prova l'uno per l'altro e completarsi.
Non si tratta della solita storia d'amore piena di cliché, i personaggi non sono convenzionali e il modo in cui scrive Jeky è scorrevole, semplice e unico.
 
Non mi dilungo ulteriormente, in quanto potrei parlarvi di "Sei tutto quello che voglio" per ore e ore, perciò dico solo questo: consiglio di leggere prima "Sei tutto quello che non volevo" di questo volume, poiché è un continuo nel vero senso della parola, ne stra consiglio la lettura e gli assegno 5 stelline su 5 e non vedo l'ora di avere occasione di leggere prossime creazioni firmate Emme!
 
Ringrazio la scrittrice per le copie cartacee dei suoi ultimi due libri, per le dediche scritte da lei all'interno di essi e per dedicarmi sempre un po' del suo tempo per chiacchierare di tutto e niente sui social!
 
La recensione è giunta al termine, non dimenticate di mettere un G+1, di condividerla dovunque e con chiunque voi vogliate e di seguire il mio blog (nella barra a destra trovate le apposite e diverse caselle per l'iscrizione al blog come lettore fisso).
 
Se avete già letto questo libro e volete scambiare quattro chiacchiere al riguardo, o desiderate averne maggiori informazioni, vi invito a scrivermi nei commenti qui sotto, sarò felicissima di rispondervi!
 
Alla prossima recensione! :)
 
Contatti
Twitter: Hugh_Me_Niall
Instagram: hughmeniall

 
 

Posta un commento